RACCONTI - CAMPANIA
'O gemellaggio 'e Vico Nocelle
Spinta al Villaggio Globale - I gemellaggi sponsorizzati UE
Dialetto: Campania

'O gemellaggio 'e Vico Nocelle
E mbè, simme guagliune, e nce piace ‘e pazzià
pure oggi, sissignore, mmiez'e strade 'e 'sta citta'.

Perché il vicolo Nocelle, e tutt'o riest' do quartiere
oggi ha fatto “gemellaggio” co’ ‘o paese furastiere.

E perciò eccoci qua alliccati e in pompa magna
a conoscere, per primi, questa gente ormai compagna.

Hanno preso pure a me per fare la "delegazione',
nzieme a 'o Sindaco, a 'o Rettore, donne, uommene e guaglione.

E per essere "prescelto" a un onore accussì grande,
me so' stato sette mesi con… la coda fra le gambe!

Ma mò basta! siamo giunti. E' finito il mio tormento!....
Mò, lasciate che mi sfoghi, che presenti il mio talento….

Perché dico, se dobbiamo esser fratelli, coi tedeschi di quassù,
ci dobbiamo presentare come siamo: freschi, allegri... nu' bijù.

Che o ssi no?, che rappresenta, tutta questa sceneggiata?...
si cacciamm' 'e ffacce finte, resta sulo 'a buffonata

e ce fa fessi a vicenda, per mostrami differenti,
raccontandoci strunzate per sembrare intelligenti!...;

ma nun serve, ché ‘o straniero se n'accorge, non è pazzo,
e facimmo, comm'o solito, ‘a figura e chist'u c….

Basta va!... mò ve conto 'a cerimmonia... A verità,
troppa bella, che emoziona!.. quasi quasi, me veneva 'e mucculià!.

C’era ‘a musica, la banda… ’mpupazzata in “gran galà”,
le Signore si ciaciàvano, tutte quante in taffettà.

Tutto il corpo dei pompieri con il capo in uniforme,
e l’agente 'e polizia ca curreva tuome tuorne!

Ed il nostro signor Sindaco, sulla panza il tricolore,
si ciaciàva pure lui, assai ‘e cchiù delle signore.

Ed i parroci in disparte, quello nostro e quello loro,
inciuciavano in latino, e cantavano col coro.

Hanno fatto, poi, i discorsi e io nun ce capivo niente,
ma applaudivo pure io 'nzieme a tutta l'àuta ggente...

O rinfresco?.. non vi dico!... «'a zuzzimm' de' 'mmarenne...»
tutta robba affumicata, secca, acida e fetenne!

Sulo ‘e dolce se salvàveno,anzi e cchiù! erano bbuone!
m’aggio fatt' 'na panzata 'e pasticcine e bumbolone.

E p’ ‘o bere?... esagerate!..., vino e birra, a tunnellate!
'e bicchiere ca’ parevano fatt' apposta pé 'mbriacate.

Pure a me, e in italiano, me dicette nu pumpiere:
“su, pampino, un pò di vino, anche tu lo tevi bere!”

e me dette 'na butteglia. Troppa buona! e io mà zucaje!...
E' accusai ca chella sera…, ‘nzieme a l'ate, me 'mbriacaje!....

Po' facettemo a cacciata pure nuje, c'a bancarella.
Tutta robba paesana!..., ‘e sasicce e ‘a muzzarella,

pier'e puorco e purpo lesso, parmigiana 'e mulignane
trippa e cotiche…, e fasule…, o frianiello 'miez'o ppane….

tutt 'e cose 'e cchiù squisite, ce fldajeme e presentà
a ‘sti stranieri gemellati…, l'avimme fatte addicrià!.

O chiù brutto vene appriesso, quann'io avette ‘o paliatone….
Che a papà le dette 'n fronte chella storia d’ ‘e guaglione

ca io m'ero cumbinato aret' 'a scola, 'miez' ‘o prato,
chella sera, dopp'a festa, quann' m'ero 'mbriacato….


A facette longa longa, cu I'onore e l'onestà,
e ca 'a guagliona d’ ‘o gemello, nun s'aveva sfruculià!.

Ma ‘e nennelle, suddisfatte, 'o ricettem a cà e a là.
E in paese se sapette comm' avevano sfugà.

E così mi hanno apprezzato come vero ambasciatore
di amicizia, d'allegria, giovinezza e… molto amore.

E 'miezo a 'lIati decorati hanno eletto pure a me.
M'hanno fatto “Lo Maschiotte” e io me sento comm'o Re!.




Lucio Musto 2 luglio 2000


Traduzione in italiano

Il gemellaggio del "Vicolo delle Nocciole"
Rassegnatevi, siamo ragazzi, e ci piace giocare,
anche oggi, sissignore, per le strade di questa città.

Perché il “Vicolo delle Nocelle”, ed il resto del quartiere
oggi si è gemellato con (questo) paese estero.

Ed eccoci, agghindati con gli abiti della festa,
a conoscere, per primi, questi abitanti ora affratellati.

Della delegazione faccio parte anche io
come il Sindaco, il Rettore, signore, signori e (altri) ragazzi.

Per essere prescelto a tanto onore
ho dovuto rigar dritto per sette mesi!

Ora il mio tormento è finito, siamo a destinazione
e posso dar libero sfogo al mio talento.

Affermo infatti che per essere fratelli con questi tedesci,
dobbiamo presentarci come siamo: freschi, allegri… dei gioielli!

Altrimenti, a che varrebbe mentire?
se ci mostriamo affettati resta solo l’onta

di cercare di abbagliarci a vicenda
raccontandoci bugie per apparire migliori di quel che siamo

e non servirebbe, gli stranieri non sono stupidi, se ne accorgerebbero,
e noi faremmo la solita pessima figura.

Basta così! Ora vi racconto della cerimonia (di gemellaggio)
bellissima, emozionante!... avevo quasi voglia si piangere.

C’era la musica, la banda in alta uniforme
le signore si pavoneggiavano nei loro abiti eleganti,

Il corpo dei pompieri con anche il capo in divisa
e l’agente di polizia che si dava molto da fare.

il nostro sindaco con la fascia tricolore sulla pancia
si pavoneggiava anche più delle signore,

mentre i parroci, il nostro ed il loro, restando in disparte
si comprendevano parlando in latino, e cantavano col coro.

Quindi i discorsi ufficiale. Io non capivo niente,
ma mi univo agli applausi degli altri…

Il rinfresco?... meglio non parlarne!... una merenda schifosa!
tutti cibi affumicati, secchi, acidi, dall’aspetto sporco…

Solo i dolci si salvavano… anzi, erano buoni
ho fatto quasi indigestione di pasticcini e bomboloni.

E le bevande?... una esagerazione! tonnellate di vino e birra
in grandi bicchieri studiati per ubriacarsi!

Anche a me, e parlando italiano un pompiere mi disse:
«su, bambino, un po’ di vino anche tu lo devi bere!...»

Me ne dette una bottiglia. Buonissima!... me la scolai…
e così quella sera mi ubriacai… come tutti gli altri!

Poi anche noi offrimmo i rinfreschi, su una bancarella.
Tutte cose nostrali!... salsicce e mozzarelle,

piedino di maiale e polpo lesso, melanzane alla parmigiana,
trippe e cotiche…, i fagioli…, panini imbottiti di broccoletti saltatati in padella…

fummo bravissimi a presentare le cose più squisite…
questi stranieri gemellati… li abbiamo riempiti di goduria!

Il negativo venne poi, quando io ebbi parecchie botte
perché a mio padre dispiacque la storia di quelle ragazze

che io avevo espugnate nel prato dietro l’edificio scolastico
la sera, dopo la festa, quando ormai ero ubriaco.

Non la finiva di lagnare con l’onore, l’onestà
che le ragazze gemellate non andavano insidiate…

Ma le giovanette soddisfatte, andarono spettegolando,
ed in paese si seppe come sfogare le proprie smanie

e così hanno mi hanno apprezzato come ambasciatore di pregio
per amicizia, allegria, giovinezza… e tanto amore

E fra le medaglie ricordo ce ne è stata anche una per me.
Mi hanno eletto “lo Maschiotto”… ed io mi sento da re!





Racconto inviato da: Lucio Musto