POESIE - BASILICATA
Lo riccabbolone
Ci sono delle persone ricche, sazie, che nuotano nell'abbondanza e non s'accorgono dei morsi della fame che può ghermire lo stomaco dell'astante, fosse anche un amico, un conoscente. Così in questo racconto che riprende la parabola evangelica del ricco Epulone.
Dialetto: Basilicata

Lo riccabbolone
R'avìa carriàti a la casa
ra la matina, ammeno
'nna recina re àini e crapetti,
re l'avìa stisi 'ncoppa la tavola
cco le capuzze piscicolànno.

Stìa ppe li cazzi miei
'nnanti lo fòcaro cco l'amici
a sfotte le zòrie cco truoni
friscarùli e tricchi tracchi,
s'abbecènna ddo riccabbolone
e mme 'mmita a la casa,
'mmente penzài:
s'è passata la mano per la cuscienzia,
mme vole faà fà puri a mmi Natale.

Passai tre ora 'mbacci a la focagna
a contà li 'nternacchi re la gente,
sempe pensanno: prim'o poi
s'addà calà, ma nienti.
Roppo mezzanotte mme facette
l'aurii ppe lo Santo Natale
e mme sbiaggiào senza manco
'nna capuzza, 'nna pariaredda;
cco 'nn'acquata 'mmocca
c'ancora la sento.

Vatti a firà re lo riccabbolone
vatt'a firà re lo sazio
ca non crere a lo riùno.





Traduzione in italiano

Il ricco Epulone
Gli avevo trasportato a casa
dalla mattina, almeno
una diecina tra agnelli e capretti,
e glieli avevo sistemati sulaa tavola
con le testine gocciolanti.

Stavo per i fatti miei
davanti al falò con gli amici
a far celia alle ragazze con spari
fischietti e tricchi tracchi,
si avvicina quel ricco Epulone
e m'invita a casa,
in mente pensai:
s'è passata la mano sulla coscienza
e vuole che faccia un buon Natale.

Passai tre ore vicino al focolare
a contare le notizie dei paesani,
sempre pensando: prima o poi
dovra riflettere, ma niente.
Dopo mezzanotte mi fece
gli auguri per il Santo Natale
e mi sviaggiò senza neppure
una capuzza o le interiora;
con un acquolina in bocca
che ancora l'avverto.

Vatti a fidare del ricco Epulone
vatti a fidare del sazio
che non crede all'affamato.



Racconto inviato da: Giuseppe De Vita