POESIE - BASILICATA
Palinuro
Come ho rivisitato il mito di Palinuro, perla della mia terra. Le sirene erano le bellezze naturali che circondano il mitico capo.
Dialetto: Basilicata

Palinuro
I'ano vocolànno 'ncoppa mari
senza manco sapè
addove vulìano arrivari
dda banda r'eroi
stanchi re fa uèrra
uliùsi r'ata gente,
r'ate terre r'amari.

Affaorèro 'nna matina
roppo misi re fatie re mari
muntagnuni, sèleve, iumi,
virdi funnàli e scuogli r'oro;
lu viento re 'nna serata r'abbrili
inta ddo paraviso se 'nselecàva
cacciànno canti r'amuri.

A li marenari 'ntuppolàro l'aorècchie
crerènno a 'nna chiancola re sirene.
Palinuro fui curiùso
sfirào ddo paraviso re culuri
re suoni re canti,
no resistette, se tuffào e
re rètte lo nome a ddo capo affatato.

cCo li billizzi tòie, Ciliento,
cuncierto re 'ncanti,
la sirena ièri tu.


Traduzione in italiano

Palinuro
Andavano dondolandosi
sul mare senza meta,
quella banda d'eroi
affaticati dalle guerre
vogliosi d'altra gente,
di altre terra d'amare.

Intravidero una mattina
dopo mesi do fatiche di mare
montagne, selve, fiumi,
verdi fondali e scogli dorati;
il vento di una sera d'aprile
in quel paradiso s'infilava
cacciando canti d'amore.

Ai marinai otturarono le orecchie
credendo ad una trappola di sirene.
Palinuro fu curioso
sfidò quel paradiso di colori
di suoni di canti,
non resistette, si tuffò e
diede il nome a quel capo fatato.

Con le tue bellezze Cilento,
concerto d'incanti,
la sirena eri tu.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita