POESIE - CALABRIA
I tradizioni spieganu u misteru
Sonetto n. XXXV appartenente alla raccolta: "Tu ndavìa dittu eu...", pubblicata nel marzo 2008 da Giovanni Di Landro. Il poeta qui vuole fare un elogio delle tradizioni popolari religiose, in particolare il suo riferimento implicito è a quelle del suo paese, Caulonia, che tante volte vengono contrastate proprio dalla Chiesa stessa; ma le tradizioni sono, secondo Giovanni Di Landro, l'unica forma vera ed autentica della fede cristiana.
Dialetto: Calabria

I tradizioni spieganu u misteru
Mò puru a Chjesa fa' l'intellettuali
e a genti ndavi u faci comu dici;
pa' Chjesa mò ogni tradizioni 'on vali,
ma eu dicu: A tradizioni storia fici!

E non si po' seguìri (ed è normali)
cui rifiuta e tradisci ogni radici
e cridi ch'esti soprannaturali;
e a Chjesa (ognunu ndavarrìa u mu dici)

certu non si po' intellettualizzari,
cà i tradizioni spieganu u misteru
e sulu i tradizioni u ponnu fari!

Cà nèsciunu da genti chi adaveru
cridi nta Diu, e u voli dimustrari
nto modu cchjù profondu e cchjù sinceru.


Traduzione in italiano

Le tradizioni spiegano il mistero
Adesso anche la Chiesa si è intellettualizzata
e la gente deve fare come dice;
per la Chiesa adesso nessuna tradizione vale più,
ma io dico: La tradizione è storia!

E non si può seguire (ed è normale)
chi rifiuta e tradisce ogni radice
e pensa di essere soprannaturale;
e proprio la Chiesa (tutti dovrebbero dirlo)

certo non si può intellettualizzare,
perché le tradizioni spiegano il mistero
e solo le tradizioni possono farlo!

Perché nascono dalla gente che veramente
crede in Dio, e lo vuole dimostrare
nel modo più profondo e più sincero.

Racconto inviato da: Giovanni Di Landro