POESIE - BASILICATA
Sapuri cilentani
Ogni terra ha i suoi sapori che la contraddistinguono. Oggetti, immagini, suoni dalla civiltà contadina di una terra lucana: il Cilento.
Dialetto: Basilicata

Sapuri cilentani
Ièrmiti e salici inta sse bigne
tròccani e bòcole ppe sse suppègne

pirètti e mòmmole a lo vottàro
melèdde e piènnici fino a frevàro

cerasa e nespole a branca 'mmoccàte
castagn'e fico 'mbornate e 'mpaccàte

patàn'e bruòcculi scuppitiàti
fusìdd'e làane cco raù re grastato

'nno tuòzzo re caso spunto re quaglio
frisìddi sponzàti a l'acquasale

povere cose ma tant'allerìa
e s'era pront a repeglià la via,
mò se corre, nun tieni mai tiempo
e non t'abbasta
né Troia né quanto mena viento.


Traduzione in italiano

Sapori cilentani
Manipoli e salici nelle vigne
tronchi e culle nelle soffitte

damigiane e brocche al bottaio
mele e uva secca fino a febbraio

ciliege e nespole in bocca a manciate
castagne e fico infornate e farcite

patate e broccoli saltati
fusilli e lagane col ragù di castrato

un tozzo di cacio spunto di caglio
biscotti spugnati all'acquasale

povere cose ma tanta allegria
e s'era pronti a riprendere la via,
ora si corre, non si ha mai tempo
e non ti basta
né Troia né quanto butta la sorte.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita