POESIE - CALABRIA
I primi scioperanti su' nta scola
Sonetto n. XXIV appartenente alla raccolta "Tu ndavìa dittu eu..." recentemente pubblicata dal poeta cauloniese Giovanni Di Landro. In questo sonetto si parla degli scioperi che si organizzano in Italia, ed in particolar modo nelle scuola, dove gli scioperi sono sempre tanti.
Dialetto: Calabria

I primi scioperanti su' nta scola
I primi scioperanti su' nta scola,
e ccà su' tanti 'averu a scioperari,
non si po' diri mancu na parola
cà i primi su' sempi idi a protestari.

Quarcunu vaji mu si nchjumba a mola
cà sfrutta u fattu u si fa' visitari,
'ccussì vaji o dentista e 'on vaji a scola
e sfrutta u jornu u vidi chi po' fari.

Si i scioperi su' falsi o sunnu veri
non sacciu mu vu dicu certamenti,
certu esti giustu ognunu mu s'appaga;

ognunu ndavi certu i soi penseri,
però na cosa è vera seriamenti:
i sordi sunnu i menu in busta paga!


Traduzione in italiano

I primi scioperanti sono nella scuola
I primi scioperanti sono nella scuola,
e qui sono in tanti veramente a scioperare,
non si può dire neanche una parola
perché i primi a protestare sono sempre loro.

Qualcuno va a curarsi un molare
perché sfrutta l'occasione per farsi visitare,
così va dal dentista e non va a scuola
e sfrutta il giorno per vedere cosa deve fare.

Se gli scioperi sono falsi o sono veri
non ve lo so dire certamente,
certo è giusto che ognuno si appaghi;

ognuno ha di sicuro i suoi pensieri,
però una cosa è vera seriamente:
i soldi sono di meno in busta paga!

Racconto inviato da: Giovanni Di Landro