RACCONTI - EMILIA ROMAGNA
E' Landìni
Il trattore sostituisce i buoi nell'aratura dei campi. Il lavoro del contadino si velocizza e diventa meno gravoso, non è alttettanto per i poveracci che tentano di dormire.
Dialetto: Emilia Romagna

E' Landìni
Dòp ch'j'avoiva midéu, andìmi a spighé ti cantìr ancàura pin ad zal pu, ad Loi, t’al quàtri dla matòina, pré frèsch, Ro e Bunì, un parghæ e Manghìn i cminzéva aræ t e’ grép dé Pôzz.
U s sintòiva, ogni tænt, la vàusa d e’ cuntadòin, mò la éra dalòng, l’a n déva fastôidi, e un dè dop ch'l'ælt e' zal e lasséva e' pòst m e’ schéur dla tèra péna arvultaeda.
Pu Ro e Bunì j’è ’ndæ in pensiàun e t e’ su pòst u si è mèss un tratàur.
E’ Landìni é cminzéva tra léun e schéur e l’andéva avænti tôt la nôta: pum....pum.... pum pum pum pum pum...
«S-cia!» e féva e mi ba rugléndsi t e’ lèt per durmòi a la svélta, parchè al trè e mèz e duvòiva stæ sò pèr andæ a lavuræ m e’ fabréch.
Mò u n s’durmôiva, péna t’ciudivi j’ôcc: pum... pum... pum pum pum pum... ch’al s-ciuptædi li t s’infiléva t e’ zarvèl.
St’an la va mèi parchè, t e’ pòst d e’ Landini, u j’è un Catarpiller che é fa snò e’ rumàur d’un càmio: brrrrrrr... t vu mètt sa pum... pum... pum pum pum pum?
Gnénca a zcòrni!


Traduzione in italiano

Il Landini
Dopo che avevano mietuto, andavamo a “spigare” nei campi ancora pieni di giallo poi, verso le quattro della mattina, per il fresco, Ro e Bunì, un aratro e Giovanni cominciavano ad arare nella collina del Poggio.
Si sentiva, ogni tanto, la voce del contadino, ma era lontana, non dava fastidio, e un giorno dopo l’altro il giallo lasciava il posto allo scuro della terra appena rivoltata.
Poi Ro e Bunì sono andati in pensione e al loro posto ci si è messo un trattore.
Il Landini cominciava al crepuscolo e andava avanti tutta la notte: pum....pum.... pum pum pum pum pum...
«Ostia!» diceva il mio babbo rigirandosi nel letto per dormire alla svelta, perchè alle tre e mezzo doveva alzarsi per andare a lavorare alla fabbrica.
Ma non si dormiva, appena chiudevi gli occhi: pum....pum.... pum pum pum pum pum... quelle schioppettate ti si infilavano nel cervello.
Quest’anno va meglio perchè,al posto del Landini, c’è un Caterpiller che fa solo il rumore di un camion: brrrrr... vuoi mettere con pum... pum... pum pum pum?
Neanche a parlarne!

Racconto inviato da: Rino Salvi