POESIE - PUGLIA
Ne’ cautu, né ffriddu …mancu tièpitu.
Il caldo di questa estate come pretesto per una breve riflessione sulle attuali insofferenza e incontentabilità umane.
Dialetto: Puglia

Ne’ cautu, né ffriddu …mancu tièpitu.
Face nnu cautu ca pi llu sutore
nna carisciòla (1) iò sta llassu a ‘n terra:
la sera, la matina, totte l’ore
lu faùgnu (2) t’ogni pparte sta mmi ‘nferra.

Nnu alu (3) ti ièntu si putìa
sulu pi nnu minutu mo azzare,
cu mmi pozzu all’ombra ti ‘sta ulìa
armènu nnu picchi ddifriscare.

Ma stu ièrnu, quando ene, già mi èsciu
tire:”Face ‘ntustare totte l’osse
stu friddu ca ti lu cautu gghete pèsciu”.

La verità sirà ggh’è sulu questa:
m’aggiu ‘bbituatu cu ffazzu troppu mosse
e allu tièpitu mancu fazzu festa.

------
(1) da "carisciàre" (corrispondente all’obsoleto e letterario italiano carreggiare); la carisciòla è la doppia traccia lasciata dalle ruote del carro e, per traslato (come qui), il liquido stesso perso dal carro durante il trasporto.



Traduzione in italiano

Né caldo, né freddo …neppure tiepido.
Fa un caldo che per il sudore
una scia di liquido sto lasciando per terra:
la sera, la mattina, tutte le ore
l’afa mi sta afferrando da ogni parte.

Un alito di vento si potrebbe
solo per un minuto ora alzare,
così che mi possa all’ombra di questo olivo
almeno un poco rinfrescare.

Ma quest’inverno, quando verrà,
già mi vedo dire:”Fa anchilosare tutte le ossa
questo freddo che è peggio del caldo”.

Sarà che la verità è solo questa:
mi sono abituato ad essere troppo schizzinoso
e al tiepido nemmeno faccio festa.

------
(2) corrispondente all’italiano favonio, vento tiepido di ponente.
(3) letteralmente: sbadiglio, da un latino *halus, dal classico halàre.


Racconto inviato da: Armando Polito