POESIE - LIGURIA
Lamento
Il lamento dei poeti troppo spesso incompresi.
Dialetto: Liguria

Lamento
Quante neutte ho straggiòu do tutto adescio
a-a poca luxe de ‘na lampadinn-a
a tiâ zù versi, a çercâ rimme finn-a
a-o neuvo giorno…. e son passòu pe nescio!

Aviæ vosciuo che non ne muisse unn-a
de quelle cose che sentivo drento
tanto che m’avansavo, pe‘n momento,
da-o mæ barcon da dovve veddo a lunn-a.

Ma so che a gente a scrolla a testa e a rïe.
Vorriæ tanto sentî ‘na voxe amiga!
No me fasso illuxoìn ch’ëan zà finìe
primma de commensâ questa fadiga.

E intanto penso e, meditando, scrivo.
Perché no m’accapî finché son vivo?

Dialetto Genovese


Traduzione in italiano

Lamento
Quante notti ho sprecato sempre desto
alla poca luce di una lampadina
a tirar giù versi, a cercare rime, fino
al nuovo giorno….. e son passato per fesso!

Avrei voluto che non ne morisse una
di quelle cose che sentivo dentro
tanto che mi affacciavo, per un momento,
dal mio balcone da dove vedo la luna.

Ma so che la gente scuote la testa e ride.
Vorrei tanto sentire una voce amica!
Non mi faccio illusioni, ch’eran già finite
prima di cominciare questa fatica.

E intanto penso e, meditando, scrivo.
Perché non mi capite finché son vivo?


Racconto inviato da: Antonio Canepa