POESIE - BASILICATA
Cche terra...
Analisi di una terra che malamente aggredita si difende con le sue asperità e la sua estensione.
Dialetto: Basilicata

Cche terra...
cChe terra grossa ca sì
che terra forte ca sì, Ciliento!

La costa già la perdisti.
Te restano
le rupi e li rrerrùpi
addòve fàno le nìra
le rundinelle re mari,
l'agruòi,li colombacci
e li cristarieddi.

Quasi nisciuno chianta
cchiù 'nna vita,
ogn'anno tanta pieri r'aulivo
fàno posto a le peramenta
re 'nna casa nova ca te pesa
'ncopp'a ddo core verde.

Te sàlevano
li montagnuni tuoi
la catena ianca re l'Alburni
ca se sbrènzola
ra lo Cervati a lo Gelbisonne
ra lo Stella a lo Bulgheria.

Te sàlivi Ciliento
pecché si gruosso
pecché manco te canuscimo
ancora tutto quanto.

Te sàlivi ra sulo
e, accussì, nne sàlivi pur'a nnui
ca no putìmo nienti!



Traduzione in italiano

Che terra...
Che grande terra che sei
che terra forte che sei, Cilento!

La costa già la perdesti.
Ti restano
le rupi ed i dirupi
dove nidificano
le rondini di mare,
gli avvoltoi, i colombacci
e gli sparvieri.

Quasi nessuno pianta
più una vite,
ogni anno tanti piedi d'ulivo
fanno posto alle fondamenta
di una casa nuova che ti pesa
su quel cuore verde.

Ti salvano
le tue grandi montagne
la catena bianca degli Alburni
che si distende
dal Cervati al Gelbison
dallo Stella al Bulgheria.

Ti salvi Cilento
perche sei molto esteso
perché nemmeno ti conosciamo
ancora interamente.

Ti salvi da solo
e, così, salvi anche noi
impotenti!

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita