RACCONTI - FRIULI VENEZIA GIULIA
La man de la contessa
Un'antica storia nella parlata veneta della Bisiacaria in provincia di Gorizia
Dialetto: Friuli Venezia Giulia

La man de la contessa
Lindo, un me vizin de casa, al contéva, co ero putel, sta storia:
- ’Na séra, vers mezanote, quando che tornovìa no era ànema viva, un omo, scundù ta ’l zimiterio de San Piero, al vien fóra de onde che l’era e, pian pian, al va rente de la sepultura de la contessa Prandi, péna morta…- Naltri, muleti, érisi duti zidini e ’ndiazadi de paura, stàvisi rente un cun quel altro comódo par vér un ninìn de protezión. Intant, i grandi i lo stéva scoltar cu'le rece 'npirade, magnando castagne roste e dando un sluc de vin nòu oni tant.
-L'omo al ciapa al picón – al va vanti Lindo - e, pian a pian al sburta in banda la lastra de piera; al se senta ta'l óro de la sepultura e dut in t’un colp….bom! Al xe saltà drento, sóra la cassa de la morta e cu’la ponta del picón al à zercà de vèrzar al coverc’; al legno al cïuléva, al paréa no voler réndarse a quela tristarìa. Lóra l'omo al s’à pozà sui dó pié par far più forza e... crac! Cu’n colp al à sbregà via al coverc’ de la cassa. La morta la era distirada, duta bianca e ’ndiazada, cu’na veleta negra sul muso e i brazi incrosadi. Par prin, l'omo al ghe à gavà la colana, dopo manìn e brazai e par ùltin i anei. Quei de la man zanca i xe vignudi fóra t'un moment ma, co ’l à volest cior quei de la man dreta, che i era anca de più valor, no i vignìa via! Dopo vér zercà un muc' de volte par gnente, al à tirà fora un cortelaz e, cu’n sol colp al à stacà la man de la morta! Serada de nóu la sepultura, al xe scanpà via como un fuìn. De quela robarìa sacrìliga, gnissun al xe mai vignù a savér. Calche mese drìo, ta ’na note negra e piena de nui, co stéva par vignir zo un bocon de slavazón, l'omo, che ’l era ’ndà ta ’na ostaria a Cassean cu’la brisca, al à vulù tornar casa vanti che vienghe zò al mondofin. Co ’l xe rivà ta la crosara par dogna de la vila Prandi, al caval no ’l voléa ’ndar più vanti dut spaurì dei toni e de i lanpi. L’omo, dut inbilà, i lo scuriéva, par farse ubidir. Ta ’l ciaro dei lanpi al vede lì vizin, sot al mur, ’na siora, vistuda de negro, che la ghe dimanda se ’l pol menarla fina a San Piero. L'omo, al desmonta de la brisca e i la fa sentar rente de lu. Al caval, intant, che al se véva un ninìn chietà, al à scuminzià a mòvarse; ma de là un poc, ta la crosara rente del zimiterio, la bestia, invezi de ’ndar vanti pa’la vila, l’à zirà incòntraghe del canposant. L’omo al à tentà de farghe ganbiar strada ma no zóva: la brisca, fat calche metro, la se ’ncioda dinanzi al portón del zimiterio. La siora vistuda de negro, oni tant ris’ciarada del lusor de le saete, la à vùlù desmontar par ’ndar vanti a pié. L'omo al desmonta par prin e despò ver zirà ’torno la brisca, al ghe va rente e al ghe fa: -Siora, vòlela che la iudo desmontar? La me daghe la man!- E la siora la ghe dise: - No pos... parchè... la me man… Te la à ti! –



Traduzione in italiano

La mano della contessa
Lindo (Gelindo Stefanutti), un mio vicino di casa, raccontava, quand’ero piccolo, questa storia:
- Una sera, verso mezzanotte, quando in giro non c’era anima viva, un uomo nascosto nel cimitero di San Pier d’Isonzo, uscì dal suo nascondiglio e, silenziosamente, si avvicinò alla tomba della contessa Prandi, appena seppellita….- Noi bambini, a quel punto, impietriti di paura, stavamo vicini l’uno con l’altro per darci coraggio. Intanto, i grandi, mentre ascoltavano con attenzione, mangiavano le caldarroste, sorseggiando il vino nuovo.
- L’uomo prese un piccone, - continuò Lindo – e, piano piano, spostò la lastra di marmo, poi si sedette sul bordo della tomba e…Bum! Saltò sopra la bara della contessa e, con la punta del piccone, tentò di aprire il coperchio. Il legno scricchiolava, sembrava non si volesse arrendere a tanta brutalità. Allora l’uomo, saltò con più forza finche il coperchio cedette e, con un altro colpo di piccone, lo spaccò del tutto. Il cadavere giaceva disteso, pallido e freddo, con una veletta sul viso e le braccia incrociate. Per prima cosa, l’uomo le tolse la collana, poi bracciali e braccialetti e, per ultimo gli anelli; quelli della mano sinistra vennero via senza difficoltà ma quelli della destra, che erano i più preziosi, non riusciva a sfilarli. Dopo vari, inutili tentativi, il ladro prese un coltellaccio e, con un sol colpo, staccò la mano della morta! Chiuse la tomba di nuovo e scappò via. Di quel furto sacrilego, nessuno ne venne a conoscenza. Qualche mese dopo, in una notte scura, mentre stava per scoppiare un violento temporale, il ladro, che era andato in un’osteria di Cassegliano con il calesse, decise di tornare a casa prima che venisse giù il diluvio. Giunti nel crocevia, vicino a villa Prandi, il cavallo si fermò improvvisamente e non volle più rimettersi in cammino, spaventato dai tuoni e dai lampi. L’uomo, furibondo, incominciò a frustarlo per farsi ubbidire, ma inutilmente. Grazie al bagliore dei lampi, vide, addossata al muro, una signora, vestita di nero, che le chiese un passaggio fino a San Piero. L’uomo scese dal calesse e l’aiutò a sistemarsi nel posto accanto al suo. Il cavallo, nel frattempo, si era calmato e riprese il cammino ma, quando arrivarono nel crocevia vicino al cimitero, invece di prendere la strada che portava in paese, il cavallo proseguì verso il camposanto. I tentativi di farlo cambiare strada furono del tutto inutili, finchè non si fermò proprio davanti la porta del cimitero. La signora in nero, rischiarata ogni tanto dai lampi, volle scendere per proseguire a piedi. L’uomo scese per primo e, passando dietro il calesse, si avvicinò e, offrendole il braccio le disse: - Signora, posso aiutarla a scendere? Mi dia la mano! -
- No, non posso… - rispose la signora - … perché… la mia mano… Ce l'hai tu! –

(storia raccolta da Adriana Miceu)



Racconto inviato da: Ivan Crico