POESIE - FRIULI VENEZIA GIULIA
Lisonz
Poesia nella parlata veneta della Bisiacarìa in provincia di Gorizia.
Dialetto: Friuli Venezia Giulia

Lisonz
Par giaroni ciari de gnente me 'nvïo,
loghi de disért spiandor, onde che 'l còdul
al se frua saldo 'nzeà de ziti. Al vént
de boi se 'ndulzisse cu'l udor fiéul
dei pirantoni; là in cau, smagnada
del ciaro, zente foresta la polsa
zidìna, senza spetar. Del desmentegarme
al me recordo de nóu al se ànema
cui lusori che in alt - virtindo del burlaz -
i se 'npïa ta le ponte, contra al biau nét.




Traduzione in italiano

Isonzo
Lungo greti chiari di niente mi avvio, / luoghi dal deserto splendore, / dove il ciottolo /si consuma da sempre abbagliato di silenzi. L'aria / infuocata si addolcisce con l'odore sottile / dei fiori di topinambùr; là in fondo, erosa / dalla luce, gente sconosciuta riposa / in silenzio, senza aspettare. Dal dimenticarmi / il mio ricordo si rianima / con i chiarori che in alto - preannunciando il temporale - / si accendono sulle cime degli alberi, contro l'azzurro puro.



Racconto inviato da: ivan crico