RACCONTI - FRIULI VENEZIA GIULIA
La parabula del fiòl fraiòn

Dialetto: Friuli Venezia Giulia

La parabula del fiòl fraiòn
(parlata bisiaca del monfalconese)

'N omo al véa dói fiói.
Al più zòvin, in zerca de bàgui, al ghe à dimandà a só pare:
"Pare, deme fòra cos che varìo de vér de la redità".
E 'l pare, basta che 'l sìe cuntént, al ghe à dà fòra dut quel che 'l ghe varìa spetà.
Despò un par de zorni, quel fiol, ciote suso dute le só robe, l'è 'ndà ta 'na vila, luntan, e, in ta quela, l'à fruà malamentre quel che ghe véa dà fòra só pare.
Co l'à sbagazà dut quant, par zonta, 'n ta quela vila la xe vignuda 'na granda caristìa e cussì 'l s'à catà dut descunì, senza un che 'l ciame dó.
Cundizión quele, che i l'à oblegà datarse a menar a passón i porzéi de un siorón de quele bande.
Pa'la granda lodra che 'l véa, al se varìa passù anca cu'le giande che i magnéa i porzéi; ma gnanca de quele a élo gnissùn i ghi ni déa.
Tornà in sì, al s'à disést:
"Quanti faméi, ta'l lógo de me pare, i à bondànzia de pan, e mi culì a bàtar bava".
Diman me levarò e 'ndarò a là de me pare par dìsarghe:
"Pare, ò fasést pecà contra 'l Ziel e contra de vu; no xe de iust che me nomé como vostro fiól. Par quel ve dimando de cignìrme conpagno de un dei faméi che vè".
Cun quel pinsiér, l'à ciapà 'l ganbìn e 'l xe 'ndà delóngo a là de só pare.
Co 'l iera drìo par rivar, s'anca uncòra luntàn del lógo, só pare instès i l'à lumà e, de primo entro, cugnussù.
Lòra, dut in t'un, só pare, moést de giòl de cór ma anca de cuntentèza, al ghe xe 'ndà 'ncontraghe, i lo à ciapà a brazacòl e i lo à basà".
In ta quel al fiòl al ghe dise:
"Pare, ò fasést pecà contra 'l Ziel e contra de vu; no xe de iust che me nomé como vostro fiól".
'Nveze só pare, propio pa'l ben che 'l ghe voléa, al ghe à ordenà driodeman ai faméi: "Àlo! Portè culì e mèteghe al vistì più bel ta'l dos, i calzaménti nóvi ta i pé, e l'anél ta'l dé".
Ciolè al vedél più gras, copélo e rustìlo, che despò lo magnaremo e faremo fràia".
Parvìa che sto me fiòl al se véa pirdù e ancói 'l xe tornà de nóu a vìvar, al iera mort e 'l xe stà catà". E i s'à mitù a fraiàr.
Intant al fiòl più véc', che 'l iera drìo vignìr del canp, onde che 'l iera sta ta'l opra dut al zorno, co 'l xe rivà ta'l curtìu l'à sintù che drento ta'l lógo i iera drìo sonar e balàr.
No vendo savù gnente, al ghe à dimandà a un faméi:
Parvìa de ché, fàli fràia?".
Al faméi al ghe à respondést:
" Vostro pare l'à vulù che copèmo al vedèl più gras, che lo rustimo e, cun quel e antro nesessario, l'à vulù che duti insèma magnèmo e fèmo fràia, parvìa che, despò tant tenp, al xe tornà in famèa san e salvo vostro fradél".
Sintuda 'na tala, al fiòl più véc' al s'à bù a mal, fin a no voler gnanca 'ndar catarli.
Ma só pare, inacòrt, al xe 'ndà fòra e, debòt, i l'à pregà de 'ndar drento cun éli.
Propio 'n ta quel, al fiòl più véc' l'à zerca de farghe cognossàr parvìa che, drìo de quele nóe, al iera restà cussì malpago.
" A mi, che ve sarvisso de ani anori e che no ò mai desubidì a gnissùn dei vostri òrdeni, no me vè mai dà gnanca un cavrét par paciàr cu'i me amìzi.
'Nveze par sto fiòl, tornà noma che co 'l à finì de fliscàr duti i bezi de la redità cu'le babàze, oltra de vérlo vistù e calzà de nóu, ancói vè fasést copar anca al vedèl più gras par farghe le bele".
Drio de quel dir, só pare al ghe à respondést:
"Fiòl, ti te me xe senpre sta dogna, e ògne roba mèa la xe senpre stada anca tóva".
Ma scogna, mo, che fèmo fràia, parvìa che to fradél al iera mort e 'l xe tornà de nóu a vìvar, al se véa pirdù e 'l xe stà catà".




Traduzione in italiano

La parabola del figliol prodigo


Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".

Racconto inviato da: ivan crico