POESIE - VENETO
Dove el siélo
poesia in lingua veneziana di uno dei massimi poeti del Novecento di questa città.
Dialetto: Veneto

Dove el siélo
(da "El putelo e 'l fiume")

Massé i poeti, quei fiói de bone dòne!
Se no podé capirli o asetarli, masséi.
Ma fé in pressa. I ga mièra de vite,
che se per sbàlio ùn ghe ne resta in pìe,
zé come se i restasse in pìe tuti quanti.
Fé come i faséva co i s'ciavi, nel mar grando,
per no farse nasar, per no dovér rènder razón.
Ligài l'un l'altro a fil de caéna,
el mar se i beveva fin a l'ultimo,
e po 'l serava co piasér i lavri.

Vu dizé scuro, e lori i dize ciarìa,
vu dizé rabia, e lori sentimento,
vu sventolé violensa, e lori la cosiénsa,
vu sighé fa i lóvi, e lori i canta fa i rossignòi,
vu robé a strangolón, e lori sempre i ve dóna,
vu adoré la morte, e lori ama el fià nóvo.
E cussì de fata. I fa maravégia.

Tagiarghe man e déi no serve a gnente.
I scrivarìa co i òci, dove el siélo
nel so viazo eterno el se reposa.





Traduzione in italiano

Dove il cielo
(da "Il bambino e il fiume")

Uccidete i poeti, quei figli di buone donne...
Se non potete capirli o accettarli, uccideteli.
Ma fate presto. Hanno migliaia di vite,
che se per caso ne resta uno solo in piedi,
è come se restassero in piedi tutti.
Fate come facevano con gli schiavi, nell'oceano,
per non farsi sospettare, per non dover rendere conto.
Legati l'uno all'altro a filo di catena,
il mare se li beveva fino all'ultimo,
dopo di che chiudeva con piacere le labbra.

Voi dite buio, e loro dicono chiarità,
voi dite rabbia, e loro sentimento,
voi sbandierate la violenza, e loro la coscienza,
voi urlate come lupi, e loro cantano come usignoli,
voi rubate a man salva, e loro vi offrono sempre doni,
voi adorate la morte, e loro il respiro nuovo.
E così di questo passo. Sono meravigliosi.

Non serve a nulla tagliar loro mani e dita.
Scriverebbero con gli occhi, dove il cielo
nel suo eterno procedere si riposa.


Racconto inviato da: Attilio Carminati