POESIE - VENETO
[Pien d'un vecchio pensier, che me desvìa...]
Poesia del grande poeta e commediografo veneziano Andrea Calmo (Venezia, 1510-1571)
Dialetto: Veneto

[Pien d'un vecchio pensier, che me desvìa...]
Pien d'un vecchio pensier, che me desvìa
da le persone e me fa andar mi solo,
mesurando da l'un e l'altro polo,
col cervelo, quant'è longa la via,

oimè che son cargào de zelosia,
e a torno 'l cuor gh'è un superbo fòlo,
ché la mia donna sì l'ha tolt'a nolo
per far più fiamma in la mia fantasia.

Che sarà può, co' sarò brustolào,
e desteso per morto in caeléto?
So vergogna, e mio danno in veritae.

So ben che la dirà: - O povereto,
el m'agriéva, el me diol, me fa peccào -:
ma tardi l'aqua a le case brusàe.








Traduzione in italiano

[Pien d'un vecchio pensiero che mi svia...]
Pien d'un vecchio pensiero che mi svia
dalle persone e mi fa andare solo
misurando, dall'uno all'altro polo,
col cervello quanto è lunga la mia via,

oihmè, ché io son pieno di gelosia,
e intorno al cuore v'è un superbo mantice
che la mia donna ha preso a nolo
per far più fiamma nella mia fantasia.

Che cosa sarà poi, quando bruciato
me ne starò disteso, morto, nel cataletto?
Sua vergogna e mio danno, in verità.

So bene che dirà: - O poveretto,
come mi pesa, mi duole, mi fa pena -
ma tardi l'acqua alle case bruciate.