POESIE - VENETO
[Ziralda bela, a t'hè vezù a ballare...]
Un composizione in antico pavano di Giambattista Maganza (El Magagnò)(Padova 1510 - Vicenza 1586)
Dialetto: Veneto

[Ziralda bela, a t'hè vezù a ballare...]
Ziralda bela, a t'hè vezù a ballare,
e de zenàro soto al to bel pé
nascer tanti fioriti, che 'l no gh'è
bruolo d'avrile che i saésse fare:

ca dì' che 'l visinello sàpia anàre
incerca, e sì leziero con te vè;
a cherzo, se te vuo', te ballarè,
senza bagnarte, inchin per sora el mare.

E seànto ivelò a quell'acqua in cima
te sentirissi agnón criar: - L'è quella
che in lo mare nascé fuor de la sbima -.

Co' se ve' in cielo la boara stella
infra tutte le altre esser la prima,
cossì ti e' al mondo an' ti, Ziralda bella.







Traduzione in italiano

[Giralda bella, ti ho vista ballare...]
Giralda bella, ti ho vista ballare,
e a gennaio sotto al tuo bel piede
nascere tanti piccoli fiori, che non c'è
brolo d'aprile che li sappia fare:

Dì tu se il mulinello saprebbe andare
in giro così, e leggero, come tu vai!
Credo che, se tu lo vuoi, potresti ballare
senza mai bagnarti, fin sopra il mare.

Ed essendo lì, sospesa su quell'acqua
udiresti gridare ognuno: - Lei è quella
che fuor dalla schiuma nacque in mare -.

Come si vede nel cielo Venere
fra tutte le altre stelle esser la prima,
così al mondo anche tu, Giralda Bella.




Racconto inviato da: Giambattista Maganza