POESIE - CORSICA
Vogliu
Canto del gruppo "I Muvrini"
Dialetto: Corsica

Vogliu
Pè ritruvà i sogni chì u ventu si porta
Porghjeci a manu apreci a porta
Pè rifà u viaghju risponde à la sorte
Festighjà le dumane è to belle racolte
Pè cunsulà e pene pisà le rivolte
Tene contu a pace in lu solcu di l'orte
Nantu à i lindumani u to cantu più forte
A sperenza chì cresce è si pesa una volta

Vogliu un pòpulu chì ride
Vogliu un pòpulu chì canta
Pèr amore rispundite
V'aghju sunniatu tantu
Vogliu un pòpulu chì ride
Vogliu un pòpulu chì canta

Quand'ellu hè tempurale e ch'ellu ci vole à crede
Quand'ellu vanu male a passione e a fede
Quandu a notte fala à lascià e so pene
Quandu a notte cala e ritarda l'avvene
Pè ritruvà la stima ritruvà la gioia
Tene caru lu mondu e po la casa soia
Pèr affruntà li ghjorni fà fronte à la vita
A verità crudele a dignità ferita

Vogliu un pòpulu chì ride
Vogliu un pòpulu chì canta
Pèr amore rispundite
V'aghju sunniatu tantu
Vogliu un pòpulu chì ride
Vogliu un pòpulu chì canta


Traduzione in italiano

Voglio
Per ritrovare i sogni che il vento si porta
Porgici la mano aprici la porta
Per rifare il viaggio rispondere alla sorte
Festeggiale domani le tue belle racolte
Per consultare le pene pesare le rivolte
Tenere conto della pace nel solco dell'orto
Sull'indomani il tuo canto più forte
La speranza che cresce e si pesa una volta

Voglio un popolo che ride
Voglio un popolo che canta
Per amore rispondete
Vi ho sognato tanto
Voglio un popolo che ride
Voglio un popolo che canta

Quando è tempesta e bisogna credere
Quando vanno male la passione e la fede
Quando la notte scende a lasciare le sue pene
Quando la notte cala e ritarda l'avvenire
Per ritrovare la stima ritrovare la goia
Amare il mondo e poi la nostra casa
Per affrontare i giorni far fronte alla vita
La verità crudele la dignità ferita

Voglio un popolo che ride
Voglio un popolo che canta
Per amore rispondete
Vi ho sognato tanto
Voglio un popolo che ride
Voglio un popolo che canta

Racconto inviato da: I Muvrini