RACCONTI - FRIULI VENEZIA GIULIA
Al militarista
Racconto in bisiac di Pino Scarel (Giuseppe Ermacora) poeta e narratore di San Pier d'Isonzo (GO) scomparso nel 2006
Dialetto: Friuli Venezia Giulia

Al militarista
Dopo la prima guera me zio, che l'era del novezentotre, i lu ga ciamà militar e i lu ga mitù de i Alpini. Lu como tuti i "Redenti", al véa fat le scole "Popolari Italiane" soto la Defonta e cussì de militar al véa al so grando lavor de scrìvarghe a casa, a la morosa e par tut indove che ocoreva par i so liberatori 'nalfabeti: tuti al contava lu, foraché i ufiziai. Mi de putel che vardàu par tut, go vist che ta calche casa era la fotografia de l'alpin cu'la so bela suaza e la piuma. Ghe digo a me pare: "Cossa vol dir che no xe la fotografia del zio cu'l capel e la piuma?". E lu al me conta la storia: "Co 'l zio al xe vignù casa de militar, che ti no te ere gnanca nassù, no 'l xe 'ndà gnanca in casa, lì de so pare, so mare, la so faméa; al xe 'ndà dret sul zoc, in mezo al curtìu e cu'l massango al ga tazà al capel minù, minù, tant che le raze i lu magnava como che sìe verze. Me ga tocà anca zigarghe parché era al porton, como par tut fat de dagorenti, e de la strada se vedeva tut. Se i lu vedéa calchidun de quei "altri" al 'ndava in ris'cio de 'ndar in canon.
Al xe 'ndà anca lu, cun senpre quela ta 'l zarvel e' l grop ta 'l stomego".




Traduzione in italiano

Il militarista
Dopo la Prima Guerra Mondiale, mio zio, che era del 1903, venne richiamato alle armi ed entrò nel Corpo degli Alpini. Lui, come tutti i "Redenti", aveva frequentato le scuole "Popolari italiane", quando queste zone facevano ancora parte dell'Impero Austro-Ungarico. Così, da militare, aveva un gran daffare a scrivere a casa, alla fidanzata e ovunque occorresse per i suoi "liberatori" analfabeti: e tutti lo erano, raccontava lui, all'infuori degli ufficiali. Io da bambino, che amavo curiosare dappertutto, mi ero accorto che, in qualche casa, c'era la foto dell'alpino con la sua bella cornice e la penna. Allora dissi a mio padre: "Per quale motivo non c'è la fotografia dello zio con il cappello con la penna?". E lui mi raccontò la storia: "Quando lo zio ritornò da militare - tu allora non eri ancora nato - non andò in casa da suo padre e sua madre, dalla sua famiglia, andò invece direttamente verso il ceppo in mezzo al cortile e lì, a colpi di pennato, affettò il cappello a striscioline sottili, sottili, tanto che le anitre se le mangiarono, come se fossero verze. Dovetti anche sgridarlo, perché il portone era fatto, come dappertutto, da traversine distanziate di legno, e dalla strada si vedeva tutta la scena. Se lo avesse visto qualcuno degli "altri", poteva rischiare di finire in prigione.
Anche lui se n'è andato, con quei pensieri nella mente ed un nodo allo stomaco.


Racconto inviato da: Ivan Crico