RACCONTI - FRIULI VENEZIA GIULIA
Le tre menade de testa
Racconto in bisiac di Pino Scarel. Un piccolissimo borgo della Bisiacarìa (GO) riceve l'improvvisa visita del vescovo scatenando una serie esilarante di reazione nei poveri compaesani.
Dialetto: Friuli Venezia Giulia

Le tre menade de testa
La vitura la se ferma devanti la canonica. Vien fora al sofér e 'l ghe dà dò colpi de batècul su la porta. Al piovan, che 'l véa zà sintù calcossa prima dei colpi, al cuca pa'l balcon in sfesa, al vede calcossa che ghe fa tremar al cor: po, no xe al véscul nóu! Al core verzar cu'l cor in gola. Saludi e riverenze, po al véscul al ghe dise de 'ndar darghe 'na ociada a la cesa de San Zanut. Al piovan, che 'l savéa che la xe in desordene, ghe manca poc che ghe vegne un inbast, e 'l ga menà la testa. (Prima menada).
Al primo pinsier che ghe xe vignù: << Che calche parochian ghe gàpie fat la porcada? >> Voia o no voia al monta in vitura, bianc como 'na verza rava. Ta un lanp i xe a San Zanut: ta 'na fumera de pòlvar, vien fora dò femene e quatro putei de la busata de Futar onde che scola l'aqua del canalet piena de bisse, crote e tute le porcarie de sto mondo. Croti, cu'la fionda torno 'l col, no se saveva se i giozava aqua o fango, tant cragnosi che i era. Pena fermà la vitura, al véscul al ghe dise al piovan: << Che bei putei cu'l crucifisso torno 'l col, i soméa angeli. >> Al prete, che no 'l sa se al ga vist ben, o che fursi xe 'na remenada, al ghe dise che xe la fionda e no cruzifissi e, quel che ghe par un cruzifis, xe la forcela: al cruzifis al xe lu quando che ghe toca farghe l'ora de riligion a scola. Furtuna che i savéa più i trozi pa' 'ndar a nidi che la strada de scola. No era colpa gnanca lori, parché cu'la scusa che a scola i ga ciapà i pedoci (mai portadi) so pare ga dit che par parar i manzi e cignir al varsor no 'core 'ndar scola.
Al piovan al va in parte e 'l ghe domanda a la fèmena del monego onde che 'l xe 'l so omo, parché al véscul al vol védar la Cesa e 'l ga caro che sìe al monego. "Al xe zapar la biava ta la partisela drìo 'l zimiterio", la ghe responde, e la manda la mularia a ciamarlu. I véa tute le peche ma i era ubidienti che lì che te li mandave i 'ndava, magari ta'l fogo (foraché scola). Anca i putei ga sintù che xe al véscul e cussì, corando corando como sionere (e oni tant 'na fiondada) i va ciamar al monego.
Intant che i spetava davanti la cesa, al piovan ghe vigniva su tuti i pinsieri e, fra 'na ciacolada e l'altra, al tira fora la scatula del tabac de naso e'l ghe dà 'na presa paromo ta la man roversa.
Cussì, tra 'na straludada e l'altra, passa un poc de tenp. Tut un colp se sinte al "den" de la canpanela: i se varda un cu'l altro, 'na fèmena ghe dise: "Xe anzoleto, al fio de la Lùzia, che 'l torna indrìo del zimiterio; al ga 'na smìcia che al buta zò un passarat de qua lavìa; al ga spacà anca al lanpion e le lastre de la Cesa (lenguaza de fèmena). Se vede un polvaron de la parte del zimiterio: xe la mularia che, corando cu'n ramaz strassinà pa'l polvaron, i vol far anca lori como la vitura. Co i riva, al véscul al varda de carezar quel più vizìn, ma al ghe scanpa como una bissa parché no 'l sa cossa che vol dir careze: al ga ciapà solche scapeloti. Poc dopo riva al monego strac: indrìo saludi e riverenze. Al monego cu'la bareta cragnosa ta le man al ga ciamà al véscul "sior Esselens". Al ghe verze la porta. In cesa no i saveva de che parte vardar: un lastron spacà de la parte de la strada, sassi e veri sul paviment, i banchi cun dò dé de pòlvar. Un minut de silenzio! Al véscul al ronpe al giaz e 'l ghe domanda al monego quanta paga che 'l ga al mese. "Gnente sior Essellens". Al véscul al mena la testa (seconda menada) e 'l monego al ghe dise: "Ve par massa sior Essellens?". I saluda 'l monego e quei quatro che xe fora de la cesa.
I monta in vitura e i parte ta 'na fumera de pòlvar: se sinte colpi de sassi ta i parafanghi de drìo, al sofer al volta i oci, al piovan al ghe dise che xe la giara de la strada, ma 'l sofer no la ghe va zò. Co i dismonta davanti la canonica, intant che i dò i va bèvar un bucal de merlot de la vigna del piovan, al sofer al vede i parafanghi macadi e 'l mena la testa (terza menada). Al dise fra de lu: "Ste qua xe fiondade, altro che giara! Chi me paga al dan, al Pare Eterno?".
Al ga zurà: mai più a San Zanut.





Traduzione in italiano

Le tre scrollate di testa
L'automobile si ferma davanti alla canonica. Esce l'autista che, con il batacchio, bussa due volte alla porta. Il prete, che aveva già sentito dei rumori prima ancora che bussassero, dà una sbirciatina attraverso le imposte socchiuse e vede qualcosa che lo fa trasalire: non è possibile, il nuovo Vescovo! Corre ad aprirgli con il cuore in gola. Saluti e riverenze, poi il Vescovo gli dice di voler andare a dare un'occhiata alla chiesa di San Zanut. Il prete, che sapeva che era tutta in disordine, per poco non sveniva e scuote la testa disperato (prima scrollata). Il primo pensiero che gli viene in mente è: “Che qualche parrocchiano abbia fatto la spia?” Volente o nolente, sale sull'automobile, pallido come uno straccio. In men che non si dica, arrivano a San Zanut: in mezzo a una nube di polvere, due donne e quattro bambini escono dalla grande buca di Futar dove si raccoglie l'acqua del canaletto d'irrigazione, piena di bisce, rane e tutte le sporcizie del mondo. Nudi, con la fionda appesa al collo, non si capisce se gocciolino acqua o fango, talmente sono sporchi. Quando l’automobile si ferma, il Vescovo si rivolge al prete: “Che bei bambini con il crocefisso al collo, sembrano degli angeli!” Il prete, che non capisce se l'altro abbia visto bene o se lo stia invece prendendo in giro, gli risponde che sono fionde e non crocefissi e che quella che a lui pare un crocefisso è in realtà la forcella: il crocefisso è lui stesso, quando a scuola deve insegnar loro durante l'ora di religione. Ma loro non hanno nemmeno colpa perché, con la scusa che a scuola avrebbero potuto prendere i pidocchi (mai avuti), loro padre aveva detto che, per mandare avanti i manzi e tenere l'aratro, non serviva studiare. Il prete intanto, un po' in disparte, chiede alla moglie del sacrestano dove si trovi suo marito, perché il Vescovo vuol visitare la chiesa e gli farebbe piacere che ci fosse anche lui con loro. “Sta zappando attorno alle piante di granoturco nel campicello dietro il cimitero” gli risponde, e manda i ragazzini a chiamarlo. Avevano sì tutti i difetti, ma erano obbedienti e andavano sempre dove si diceva loro di andare, sarebbero andati perfino nel fuoco (ovunque, fuorché a scuola). Anche i bambini avevano saputo che era arrivato il Vescovo e così, correndo veloci come il vento (tirando ogni tanto una fiondata), vanno a chiamare il sacrestano. Nel frattempo, mentre stavano aspettando davanti alla chiesa, al prete continuavano a venire in mente mille pensieri; tra una chiacchierata e l'altra, tira fuori una scatola di tabacco da fiuto e ne offre una presa nelle mani aperte dei presenti.
Così, tra uno starnuto e l'altro, passa un po' di tempo. All'improvviso si sente il "den" della piccola campana: si guardano tra loro ed una donna dice al prete: “Questo è Angelo, il figlio di Lucia, che torna dal cimitero. Ha una mira che centra un passero da lontano, ha già rotto il lampione ed i vetri della chiesa.” (Linguaccia di donna). Si vede alzarsi una nube di polvere dalla parte del cimitero: sono i ragazzini che, trascinando un grande ramo sulla strada, cercano di imitare il passaggio dell'automobile. Quando arrivano, il Vescovo cerca di accarezzare quello che si trova più vicino a lui, ma il bambino sguscia via come una biscia, perché non sa cosa siano le carezze: nella vita ha preso soltanto schiaffi. Poco dopo arriva il sacrestano con il berretto sudicio nelle mani e comincia a chiamare il Vescovo "signor Ezzelens". Apre la porta; in chiesa non sapevano da che parte guardare: una vetrata rotta dalla parte della strada, sassi e pezzi di vetri sul pavimento, le panche con due dita di polvere. Un minuto di silenzio! Il Vescovo allora rompe il ghiaccio e gli chiede qual è la sua paga mensile. “Niente signor Ezzelens”. Il Vescovo scuote la testa (seconda scrollata) ed il sacrestano gli dice: “ Le sembra troppo, signor Ezzelens?” Così Vescovo e prete salutano il sacrestano e le poche persone raccolte davanti alla chiesa.
Salgono sull'automobile e partono nuovamente alzando una nube di polvere: si sentono colpi sui parafanghi posteriori, l'autista si volta, il prete gli dice che è colpa della ghiaia sulla strada, ma l'altro non sembra troppo convinto. Quando scendono davanti alla canonica, mentre gli altri due vanno a bere un bicchiere di merlot prodotto dalla vigna del prete, l'autista vede i parafanghi ammaccati e scuote la testa (terza scrollata). Allora pensa: “Queste sono fiondate, altro che ghiaia! Chi mi paga il danno, il Padre Eterno?” Alla fine si ripromette: non metterò mai più piede a San Zanut.


Racconto inviato da: Ivan Crico