POESIE - MARCHE
El maru persu
Una volta,il mare incantava con la sua vista ampia dal lungomare e lo si intravedeva anche dagli incroci nell'interno delle vie. I numerosi ristorantini sul mare,sorti ultimamente sul lungomare,non solo hanno tolto la vista stupenda,ma ammorbano l'aria marina che a stento giunge a rinfrescare,con profumi di cucina a volte,nauseabondi.
Dialetto: Marche

El maru persu
Se c'era 'na bellezza ,per marìna
edèra quell'aria fresca , sopraffina
e quel prefùme de seppia de sardo':
era i regali del maru per tutti no'.

Edera el maru che 'guardài, passènnu
pure dai 'sti 'iguletti ,e 'nco' ridennu
pe' l'allegria che tu te retrùai
se pure de fuga, cchi de ggiò passai.

O Portu de Recanati, nun sai più tu:
tutte quelle bellezze nun c'è più!
Te' puzza de frittura, ade', quell'aria
e tuttu quel brudettu te cuntraria!

El maru, ade' ,se tròa sotta i cami'
che fùmene giornu , sera e tuttu el dì.
Nun egghi più la lónna che te 'ncanta,
nun senti più la nanna che te canta!

Se 'ntra baracche, sedie e taulì
se per tant'è ulessi passà lì
e te càpeta de 'ede un po' de blù,
nun è quel maru che cercài tu!

La baa de 'entu che te renfrescàa,
s'è persa 'nte la bocca de chi magnàa!
Se pensa solu al soldu e al bel magna',
'sti beccamòrti pènsene a ffrega'


a te, che ci hai el traaju quannu passi,
a te, se smòe el corpu :guagi la lassi...
e poi murì 'ffugatu , no 'nt'el maru,
ma propiu lì, lì 'nt'el longumaru!

Dìteme 'ô' ,cume se po' campa' ?
Tuttu 'st'infernu,nun se po' gambia'?
'Ulému tuttu cum'edèra prima,
la lonna, la baa de 'entu sopraffina,

e 'istu , pure de da longu el maru
e quel préfume de seppia e calamaru
ulému el maru nostru retrua':
el paradisu nun se po' scurda'.










Traduzione in italiano

Il mare perduto.
Se c'era una bellezza per marina,
era quell'aria fresca,sopraffina,
e quel profumo di seppia e di sardoni
erano doni per tutti noi.

Era il mare che guardavi,passando,
pure da questi vicoletti,ed anche sorridendo
per la gioia che ti ritrovavi
anche se di fretta,di qui passavi.

O Porto Recanati,non sei più tu,
tutte quelle bellezze non ci sono più!
Puzza di fritto adesso quell'aria
e quel brodetto ti contraria!

Il mare,adesso,si trova sotto i camini
che fumano giorno,sera e tutto il dì.
Non vedi più l'onda che t'incanta,
non senti più la nanna che ti canta!

Tra baracche,sedie e tavolini,
se per caso,volessi passare di lì,
e ti capita di vedere un po' di blu,
non è quel mare che cercavi tu.

La bava di vento che ti rinfrescava,
s'è persa in bocca di quello che mangiava!
Si pensa solo al soldo,al bel mangiare,
questi affaristi pensano a fregare

te che hai il travaglio,quando passi,
a te che si muove il corpo,quasi la lasci....
e puoi morire affogato e non nel mare,
ma proprio lì, lì, sul lungomare!

Ditemi voi,come si può campare?
Tutto questo inferno.non si può cambiare?
Vogliamo tutto quanto come prima,
l'onda, la bava di vento sopraffina,

poter vedere pure da lontano il mare
e sentire profumo di seppia e calamaro,
vogliamo il mare nostro ritrovare:
il paradiso non si può scordare!!!










Racconto inviato da: Novella