RACCONTI - LOMBARDIA
Al Scilitru
Scilitro è il cognome di una famiglia del paese di S.in Alta Valtellina.Fino ad una cinquantina di anni fa a S. si parlava di un fantasma, al Scilitro, che si aggirava ad Est dell'abitato di S. "Al" Scilitro sarebbe stato ucciso dai gendarmi in uno scontro a fuoco accidentale.
Dialetto: Lombardia

Al Scilitru
Al Scilitru,vero nom Giovanni Scilitro, l'era un ladronscellin che 'l sgrafignava de scià e de là: na quaj volta na galina,on'altra duu cunicc, poeu furmacc o luganeghi 'n da li cantini, o an autunn anca l'uga. Però i ultim temp al i era combinadi piussé grossi: l'aveva "spazzula" li bussoli de la gésa e quaj méss dopu robà 'n vedèll in de la stala de una de li famigli più importanti del paésdel paés. Inscì el degan del paés l'aveva ciamà du gendarmi per arestal:
la polizia i l'a speciàa vers sera davanti a la sua cà: apena i l'à veduu i gh'à intimàa da consegnass. Ma Scilitro l'è fugìi a gambi levadi.
Un di gendarmi al 'l à ciapàa per la giaca e l'altro al gh'à sparàa ai gambi. Purtrop la storia l'è finida mal parché par sbaglio Al Scilitro l'è stacc colpìi mal e l'è mort quasi subit.
Al fantasma da sto omm l'è condanàa a girà poch foeu dal paés par l'eternità.

Correva l'anno 1802


Traduzione in italiano

Il Scilitro
Il Scilitro ,vero nome Giovanni Scilitro, era un ladruncolo che rubacchiav qua e là: una qualche volta una galllina, un'altra due conigli, poi formaggio e salsicce nelle cantine, o in autunno anche l'uva.
Però gli ultimi tempi le aveva combinate più grosse: avevaripulito la cassetta delle offerte in chiesa e qualche mese dopo rubato un vitello nella stalla delle famiglie più importanti del paese. Così il decano aveva chiamato due genadrmi per arrestarlo: la polizia lo aspettarono verso sera davanti a casa sua: appena lo videro gli intimarono di consegnarsi. ma Scilitro scappò a gambe levate. Uno dei gendarmi lo afferrò per la giacca e l'altro gli sparò allegambe. Putroppo la storia finì mal perché per sbaglio Scilitro
fu colòpito male e mori quasi subito.
Il fanyasma di questo uomo è condannato a girare poco fuori del paese per l'eternità.

Correva l'anno 1802.

Racconto inviato da: Augusto Corbelli