POESIE - TRENTINO ALTO ADIGE
Presonéri

Dialetto: Trentino Alto Adige

Presonéri
presonéri de n rochèl
che de noi ghe nà nfestìdi
gira e l rudola sui corli
senza palesàr paión

presonéri de quei sogni
da valgùn fati par noi
starlezàri sgociàn sanc
campanò che l ne deléva

presonéri dei baiochi
quel slusór che l pàr sorisi
sdindònar ndé la scarsèla
par cetàr vöie pù strache

presonéri sol de ciàcere
ndé na slòica n viver crùo
quel contàrne de n bel sol
pò dré l gàl vèn sèmpro nùgol

presonéri al nòs strangós
de n domàn pù bèl e mòrbi
e la schéna che se cùcia
fin che l dì narà a paión

presonéri e nó l savén
dela càbia che avén dent
engropadi a n slùc de aibel
ónger làori screpolàdi

presonér varderò n sù
quelazùr slusènt su sóra
sule cime dela Brenta
che le nrösa a n sgiànz de sól

presonér sol de qoél véder
che me sgiónfa l fià de ràsa
smisià dent ndel vert dei pradi
come n fior calùmo l ciel

presonér
ancor en pöc




Traduzione in italiano

Prigionieri
prigionieri di un rocchetto
che si disinteresa di noi
gira e rotola sui rulli
senza mostrare passioni

prigionieri di quei sogni
fatti da altri per noi
sudiamo sangue come ghiaccioli
finche una campana non ci scioglie

prigionieri del denaro
quel luccicare che sembra un sorriso
tintinnante nelle tasche
per quietare voglie ormai stanche

prigionieri solo di chiacchiere
racconti vuoti su una vita dura
quel racconto su un bel sole
ma dopo il canto del gallo è sempre nuvoloso

prigionieri al nostro ardente desiderio
di un domani migliore e comodo
ma la schiena si piega sempre
finchè il giorno andrà a dormire

prigionieri e non lo sappiamo
di quella gabbia costruita dentro
avvinghiati ad un bicchiere
che ci bagna le labbra screpolate

prigioniero guarderò in alto
quel limpido azzurro sopra di me
sulle cime del Brenta
che diventano rosa con un raggio di sole

prigioniero solo di quella vista
che mi riempie il respiro di resina
mischiato nel verde dei prati
come un fiore osservo il cielo

prigioniero
ancora un pò

Racconto inviato da: Diaolin (Giuliano Natali)