POESIE - CORSICA
U mare e u fiume
Canto del gruppo "A filetta"
Dialetto: Corsica

U mare e u fiume
O chjucu ! Disse u mare
Parlendu à un fiumicellu
inde e mo acque chjare
Minutu e miserellu
Ti lampi, ghjochi, sparisci
Eppoi m'inturbidisci.

Guarda à mè, cume sò grande,
È po cume sò prufondu,
Aghju acqua ancu à rivende,
È copru u mezu mondu,
Quandu in un scornu hè notte,
In l'altru u sole sorte.

Ti portu disse fiume
U cantu di u russignolu,
Poi dinò u prufume
Di u fiore campagnolu,
Lampu ind'a to sciuma bianca,
A dulcezza chì ti manca.

S'ellu si secca ogni fiume,
Puru d'issi pari mei,
Averìa menu fume,
In trè mesi, cinque o sei
A cosa hè più chè sicura,
Cambiarìa d'andatura !

Fiume, paesi, pòopuli,
Ancu chjuchi e miserosi
In istu mondi sò ùtuli.
Perchè anu certe cose
Ch'ellu ùn hà più putente,
Piglia a nota, e teni à mente !


Traduzione in italiano

Il mare ed il fiume
O piccoletto! Disse il mare
Parlando a un fiumicello
Nelle mie acque chiare
Minuto e Miserello
Ti lanci, giochi, sparisci
Eppoi m'intorpidisci.

Guarda me, come sono grande,
Eppoi come sono profondo,
Ho acqua anche da rivendere,
E copro mezzo mondo,
Quando in un angolo è notte,
In un altro il sole sorge.

Ti porto disse fiume
Il canto del Rosignolo,
Poi anche il profumo
Del fiore campagnolo,
lancio nella tua schiuma bianca,
la dolcezza che ti manca.

Se ogni fiume si seccasse,
anche quelli pari a me,
avresti meno orgoglio,
in tre mesi, cinque o sei
La cosa è più che sicura,
Cambieresti andatura (atteggiamento)

Fiume, paesi, popoli,
Anche piccoli e miserabili
In questo mondo sono utili.
Perchè hanno certe cose
Che mancano al più potente,
Prendi nota, e tieni a mente!

Racconto inviato da: G.P. Ristori