POESIE - CALABRIA
Cheni e gatte
Quano i potenti si alleano tra di loro per gli altri non rimangono che le briciole
Dialetto: Calabria

Cheni e gatte
Cheni e gatte si su guardeti mbaccia na matina
"ma nuji picchì n'ema sempe arraghè" s'enu rittu
"amici nun ci putimu stè.

U seji chi facimu cummera gatta i creji in avanti?
Je mi spurlu l'ossi e i lischi i lassu attija tutti quanti"

" E lleti cheni, l'eti gatte c'azzicchinu
si nuji sbafemu tuttu.
" Ma penza a tija fissu e ll'eti lassi i futti".

Cusì su soliti fe puru i politicanti
loro si jigninu a vozza
e si ni frichinu i tutti quanti.


Traduzione in italiano

Cani e gatti
Cani e gatti si sono guardati in faccia una mattina
"ma noi perchè dobbiamo sempre litigare si son detti,amici non ci possiamo stare"?

"Lo sai ccosa facciamo comare gatta da domani in avanti?
io mi sbrano gli ossi, e le lische
le lascio a te tutte quante.

" E gli altri cani gli altri gatti che mangiano se noi sbafiamo tutto".
ma pensa a te fesso e gli altri lasciali fottere."

Così son soliti fare pure i politicanti
loro riempiono il gozzo
e se ne fregano di tutti quanti.

Racconto inviato da: Antonio De Rosa Morano Calabro