POESIE - VENETO
L'arbitro de balón

Dialetto: Veneto

L'arbitro de balón
Quando a la Doménega
i tifosi di bar e de ‘e partie
i speta l’ùltimo gol par ùrlare
Arbitro te ghémo da copare
me nasse on pensiero:

Có ciòdi e biasteme
i Giudei i ga imbrocà
el Cristo su la Crose
có sarache e spregiuri
i tifosi de ancuò
i vorìa imbrocàre sul campo
l’ arbitro del balón.

Orbo, vendù, comprà
i ghe ùrla có vòse scadenà
ma lu guariero senza paura
el continua a fischiare
contro o a favore
de la nostra squadra del cuore.

Che ghe sia jazho opure piòva
che ghe sia neve o vento de tramontana
l’arbitro sempre el xé puntuale
a scumiziare la batalia.

Sentà in tribuna, opure in platea
o davanti a la televisión
senza ùrlare:
- Arbitro te voémo copare -
la partia nó la xé gnanca bèa.











Traduzione in italiano

Arbitro di pallone
Quando alla Domenica
i tifosi dei bar e delle partite
aspettano l’ultimo gol per urlare:
“Arbitro ti dobbiamo ammazzare” ,
mi nasce un pensiero:

Con chiodi e spergiuri
i Giudei hanno imbroccato
il Cristo sulla croce
con bestemmie e disprezzo
i tifosi d’oggigiorno
vorrebbero inchiodare sul campo
l’Arbitro di calcio.

“Orbo, venduto, comprato” ,
gli urlano con voce scatenata,
ma lui, guerriero senza paura,
continua a fischiare
contro o a favore
della nostra squadra del cuore.

Che ci sia ghiaccio oppure pioggia,
che ci sia neve o vento di tramontana,
l’Arbitro sempre è puntuale
a incominciare la battaglia.

Seduti in tribuna, oppure in platea,
o davanti alla televisione
senza urlare:
- Arbitro ti vogliamo ammazzare -
la partita non è più bella.




Racconto inviato da: Luciano Bonvento