POESIE - TRENTINO ALTO ADIGE
luna petiža…
la luna alle volte sembra un poco civetta e lascia negli innamorati desideri inesauditi
Dialetto: Trentino Alto Adige

luna petiža…
e la se spègia lì sóra ‘l lac’
come ‘na sióra ‘n pél pù petiža
coi òci dolci, le gàlte tèndre
dedré ‘n tramonto che ‘l se le ‘nrösa

pò a saludàrla vèn sù dal font
en sbrìgol tebi de anime ‘n l’aqoa
par sdindonàrse su l’onda cèta
mandarghe basi par far l’amor

éla ževìla, col nas ensù
la se và a scònder lì dré dal mont
la fà ‘n ociét, la berechina
‘nden colp tut tase e ‘l lac’ el pòlsa

forsi che i dòrmia dré ‘n šaš al scur
quei brigoloti che à ‘rzentà l’onda
con dent ‘ndel cör pašion sinžere
che ‘n dì quel bòzol ghe vöghia bèn



Traduzione in italiano

luna civetta...
e lei si specchia sopra il lago
come una signora un po' civetta
con gli occhi dolci, le guance delicate
dietro un tramonto che le ha arrossate

e sale dal fondo per salutarla
un formicolio di anime immerse nell'acqua
per dondolarsi sull'onda quieta
e mandarle baci per far l'amore

lei distinta, con il naso all'insù
và a nascondersi dietro il monte
fà l'occhiolino, la birichina
in un attimo tutto tace e il lago riposa

forse che dormano dietro un sasso nell'oscurità
quelle creature che argentavano l'onda
con dentro il cuore desideri sinceri
che un giorno quel bocciolo voglia loro bene


Racconto inviato da: Giuliano Natali (Diaolin)