POESIE - TRENTINO ALTO ADIGE
e šin e šon e šan
Un falciatore su un prato, vecchi ricordi di momenti perduti
Dialetto: Trentino Alto Adige

e šin e šon e šan
l’è come ‘n zifolòt
la fal che sega ‘l prà
la subia ale careze
de preda dura e möia

quel giovenòt feruscol
el canta al sol che nase
en šin e šon e šan
che ‘l sà de vita vera

vesìn pasa ‘n boiar
a montegar bestiam
e ‘n l’aria fort se spande
en sòn lontan de amor

ziboga a spas ‘ndel vènt
par tut ‘na serenada
e ‘l šin e šon e šan
l’è ‘l cör che bate fis

con el cozàr en man
par che se mpontia ‘l bal
e ‘l sol che ‘l ciuta tebi
destempra ‘l bosc che tase

pò ‘n ciciolar de arzènt
campane gio ‘n la val
e ‘l šin e šon e šan
careza ‘l fil già bols


Traduzione in italiano

e šin e šon e šan
è come un fischietto
la falce che taglia làerba del prato
sibila alle carezze
della cote dura e bagnata

quel giovane birichino
canta al sole che nasce
un šin e šon e šan
che ha il sapore di vita vera

vicino passa un bovaro
porta il bestiame al pascolo
e nellàaria si spande intenso
un suono d'amore lontano

una fisarmonica a spasso nel vento
e mi sembra una serenata
e il šin e šon e šan
è il cuore che batte forte

con il portacote in mano
pare si fermi il ballo (ascolta attento)
e il sole tiepido che fà capolino
riscalda il bosco silenzioso

poi un cinguettìo argentino
campane dalla valle
e il šin e šon e šan
accarezza la lama bolsa


Racconto inviato da: Giuliano Natali (Diaolin)