POESIE - CALABRIA
Pe Pascale
Poesia con lo scopo di difendere uno dei più grandi poeti calabresi.
Dialetto: Calabria

Pe Pascale
Parlu a vui, paesani mei,
che ancor'oi na brutta memoria
che pe chidu poveru disgraziatu nd'aviti.
Vui, vu ricurdati pe chidu che paria
e no pe chidu che fu.
Vui, vu ricurdati cume nu ladru,
che futtia a chiesa, u ferradiolo
e u pecuraru
e candu vi liistivu u su urtimu libricedu,
che facistivu?
Vu dicu io,
continuastivu u mu disprezzate,
nonostanti i vustri scusi chiedia.
Mo, non dicu che chidu che facia
era giustu,
però, riflittiti nu secundu,
se c'ha fati.
Di tutti i cosi belli,
che a nustra terra nd'avi e nd'avia,
nui, nun simu subba i libra di discipuli
pe lu tempio, pa torre o pa l'asprumunti,
ma pe lui,
pe chidu puita
che nu po di fama ci portau,
e che ancor'oi,
Zuzzi Tamarri,
sfuttiti e disprezzati.
Mo, dateci a sua memoria
nu po i tara,
e pensati ou bonu
di stu grandi puita,
che si chiamau,
Pasquale Creazzo


Traduzione in italiano

Per Pasquale
Parlo a voi, paesani miei,
che ancora oggi avete una brutta memoria
per quel povero disgraziato.
Voi, ve lo ricordate per quello che semprava,
e no per quello che era.
Voi, ve lo ricordate come un ladro,
che fragava la chiesa, il fabro e il pastore,
e quando avete letto il suo ultimo libro,
che avete fatto?
Ve lo dico io
avete continuato a disprezzarlo,
nonostante chiedeva le vostre scuse.
Ora, non dico che quello che faceva era giusto,
però, riflettete un secondo,
se ce la fate.
Di tutte le cose belle,
che la nostra terra ha e aveva,
noi, non siamo sui libri di scuola
per il tempio, per la torre o per l'aspromonte,
ma per lui,
per quel poeta
che ci ha portato un pò di fama,
e che ancora oggi,
sozzi tamarri,
sfottete e disprezzate.
Ora, dategli alla sua memoria
un pò di tregua,
e pensate al buono
di questo grande poeta,
che si chiamava Pasquale Creazzo



Racconto inviato da: Silipo Rocco