POESIE - LAZIO
A gravità.

Dialetto: Lazio

A gravità.
Como se stacca nun s'aregge più,
nu' ce so' Santi, pe' gravitazzione,
la mela casca, senza 'sitazione,
e nun esiste ch' arimane sù.

Como studiò Lionardo, quanno fù,
è er vento che t'aregge l'aquilone,
ma si nun soffia, nun ce stà questione,
é como 'n sercio: se ne casca giù

E tutto l'Universo é arigolato
da 'sti princìpi, frutti de Natura,
che mmanco er Padreterno c'ha cambiato.

Questa é la Legge ! Non ce poi giocà,
e nun se po' tajassela a misura
senza curasse...della gravità.


Traduzione in italiano

La gravità.
Come si stacca non si arregge più,
non ci son santi, per gravitazione,
la mela casca, senza esitazione,
e non esiste che rimane su.

Come studiò Leonardo, quando fu,
é il vento che sostiene l'aquilone,
ma se non soffia non c'é niente da fare,
é come un sasso : se ne casca giù.

E tutto l' Universo é regolato
da questi princìpi, frutto di Natura,
che neanche il Padreterno ci ha cambiato.

Questa é la Legge ! non ci puoi giocare,
e non si può tagliarsela a misura
senza curarsi ...della gravità.


Racconto inviato da: Nolvio