POESIE - VENETO
I FANTASMI AMOROSI
Una sposa, ancora bella, ma avanti con gli anni, rievocati dai luoghi, ricorda i molteplici amori della sua giovinezza. Ora non le resta che un piacevole ricordo.
Dialetto: Veneto

I FANTASMI AMOROSI
O sposa, bea sposa
che in mente te ghe
tresento amori,
o sol spasimanti
del tempo dei fior.

Se l'ocio te giri,
te trovi el ricordo
de vosi e paroe,
de schersi e risate
dei dì de e'amor.

De mira ciapai
dal Puto co e'arco
co 'e frece inbevue
d'anbrosia e morbin
e tanto doeor,

ne 'a sorte i sperava,
e forse i sognava
da essar tocai,
sol anca sfiorai,
da 'l to gran splendor.

Ma, come sul palco,
finisse 'a comedia:
i dì se scavalca,
de 'a storia finia
te resta na luce
che te fa conpagnia.




Traduzione in italiano

I FANTASMI AMOROSI
O sposa, sposa bella,
che hai in mente
trecento amori,
o solo spasimanti,
del tempo dei fiori,

se giri l'occhio,
trovi il ricordo
di voci e parole,
di scherzi e risate
dei giorni dell'amore.

Di mira presi
dal Puto con l'arco
dalle frecce imbevute
d'ambrosia e di voglie
e tanto dolore,

(soggetto: gli amori)
nella sorte speravano,
e forse sognavano
di essere investiti,
o solo anche sfiorati,
dal tuo grande splendore.

Ma, come sul palco,
finita è la commedia:
i giorni passano via,
della storia finita
ti rimane una luce
che (ti) fa compagnia.

Racconto inviato da: Attilio Scremin