POESIE - VENETO
PIANTO ANTICO
Si tratta della traduzione in dialetto veneto (trevigiano-crespanese)della toccante poesia che Giosuè Carducci scrisse in occasione della morte del suo piccolo figlio. E' stata rispettata la metrica, non la rima.
Dialetto: Veneto

PIANTO ANTICO
L'albaro che 'a manina
toa ciapar voeva,
el verde pongranà,
co i so bei rossi fior,
ne l'orto abandonà
xe tornà verde adesso
e giugno el l'indora
de euce e de caeor.

Ti fior de sta me pianta
sbatùa e rinsechìa,
ti de sta vita inutie
ultimo e unico fior,
te sì inte 'a tera freda,
te sì inte 'a tera nera;
pì no te ridi al sol
nè lu te sveja, amor.




Traduzione in italiano

PIANTO ANTICO
L'albero a cui tendevi
la pargoletta mano,
il verde melograno
da' bei vermigli fior,
nel muto orto solingo
rinverdì tutto or ora
e giugno lo ristora
de luce e di calor.

Tu fior de la mia pianta
percossa e inaridita,
tu de l'inutil vita
estremo unico fior,
sei ne la terra fredda,
sei ne la terra negra;
nè il sol più ti rallegra
nè ti risveglia amor.



Racconto inviato da: Attilio Scremin