POESIE - VENETO
EL MO ETA
Ora, per offrire il proprio servizio, l'arrotino si presenta alla porta delle case, che raggiunge con il furgoncino ben attrezzato. Una volta girava per le contrade con il carretto e faceva girare la mola azionando con la gamba il congegno.
Dialetto: Veneto

EL MO ETA
Su 'a porta de 'a casa
vien uno che dise:
"Co'l me furgonsin,
mi son l'arotin"
Tacà su 'a sintura
ga un masso de forbici,
che 'a par na picàia
de tordi ciapài;
in man i cortei,
na ròncoea, na brìcioea,
pirata el me par,
brigante del mar.

Mi penso al moèta,
che 'a roda el girava
alzando 'a ganbeta;
al vaso co'l fil
de fero tacà,
che assava cascar
sui sighi e lamenti
na gossa, na eàgrema,
precisa e costante
ea pena a lenir.


Traduzione in italiano

L'ARROTINO
Sulla porta della strada
vine uno che dice:
"Con il mio furgoncino
io sono l'arrotino"
Appeso alla cintura
ha un mazzo di forbici,
che sembra un appiccagnolo
di tordi cacciati; (presi)
in mano i coltelli,
una roncola, un rochetto,
pirata mi sembra,
brigante del mare.

Io penso all'arrotino,
che la ruota girava
alzando la gamba;
al vaso con il filo
di ferro attaccato,
che lasciava cadere
sulle grida e lamenti
una goccia, una lacrima,
precisa e costante
la pena a lenire.

Racconto inviato da: Attilio Scremin