POESIE - VENETO
'A COERENSA
Due amici stanno passeggiando in campagna e discutono animatamente sul problema che angustia oggi la società: l'immondizia. Passano quindi a criticare la caccia e i cacciatori, che ai loro occhi altro non sono che dei delinquenti. Un ramarro li fa sobbalzare per lo spavento. Non trovano di meglio che ucciderlo, schiacciandolo con un grosso sasso.
Dialetto: Veneto

'A COERENSA
Do amissi, persone da ben,
par mejo regionar
in campagna i va
tranquii a caminar.

"Véditu - dise uno -
el xe tuto un problema!"
"Sì -risponde chealtro -
però ogni problema
va frontà e risolto"

"E brao! - xe 'a risposta -
Aeòr no te capissi
che par tuti anca questo
grosso el xe un problema:
risolvar i problemi?
E po', secondo mi,
l'aspeto pèzo ancora
ea xe l'ecoeogia,
che dentro ea ciapa e' machine,
veen e detersivi,
l'inquinamento insoma."

"E scoasse, pardio!"
S'inalbara l'amigo.
"Brao, orca, 'e scoasse
proprio, reson te ghe!!"

Dopo, strada fazendo,
i vede na cornacia.
Stavolta i se 'a tol
convinti co 'a cacia.
"Mi proprio no capisso
come se fa a tirarghe
a un poro oseéto,
(anca se co 'a poentina
i xe boni, 'o confesso!
che dopo pì no i ciapa
tuti sti bruti inseti"

"Reson ancor te ghe
-risponde el conpare -
i cassadori, tuti,
de i assassini i xe."
"Sì, proprio, deinquenti
sensa cor, bestie insoma!
Sètu cossa che digo?
Che par alquanti ani,
ea cacia va sarada,
sì, ma par diese almanco.
ansi, no: aboìrla
bisogna e par senpre,
e a quei pori esaltai
i s-ciopi butar via."

Ciacoeando inpegnai
su question de prestigio
i tira el fià davanti
a un sieson de roe.

Spaurà da quei do
un igaor frassando
scanpa da qua a eà;
uno de quei do, pandòeo,
ciapa un tremon
e quasi no'l s'ingànbara
par far un salt in drio.

" 'Na vipara!" - el siga.
"Ma no - ghe fa l'amigo -
eo vedo, 'ardeo eà:
un igaòr el xe!"
E..."Speta mi!" - el dise.
El tol su un bel boro,
e co forza el ghe 'o tira.
"Cossì te ghe 'a mòi
a farne spaurar!"

Sul pal de 'a siesa resta
tra i spin eonghe e duri
un igaòr schinsà
che el par un poro cristo in crose.





Traduzione in italiano

LA COERENZA
Due amici, persone per bene,
per meglio discutere,
in campagna vanno
tranquilli a camminare.

"Vedi - dice uno -
è tutto un problema!"
"Sì -risponde l'altro -
però ogni problema
va affrontato e risolto"

"E bravo! - è la risposta -
allora tu non capisci
che per tutti anche questo
è un grosso problema:
risolvere i problemi?
E poi, secondo me,
l'aspetto ancor peggiore
è l'ecologia,
che comprende le automobili,
i velene i detersivi,
l'inquinamento insomma"

"L'immondizia, perdio!"
S'inalbera l'amico.
"Bravo, perbacco, l'immondizia
proprio, hai ragione!!"

Dopo, strada facendo,
vedono una cornacchia.
Questa volta se la prendono
convinti con la caccia.
"Io proprio non capisco
come si faccia a sparare
a un povero uccellino
(anche se con la polentina
son buoni, lo confesso!)
così poi non acchiappano
più gl'insetti nocivi."

"Ragione ancora tu hai
- risponde il compare -
i cacciatori, tutti,
degli assassini sono."
"Sì proprio, delinquenti
senza cuore, bestie insomma!"
"Sai cosa dico?
Che par alcuni anni
la caccia va chiusa,
sì, ma per dieci almeno"
"Anzi, no: abolirla
bisogna e per sempre,
e a quei poveri esaltati
gettare via i fucili"

Chiacchirando con impegno
su argomenti importanti,
si riposano vicino
a una siepe di rovi.

Spaventato da quei due,
un ramarro razzolando
scappa da qua a là;
uno di quei due, babbeo,
prende uno spavento
e quasi inciampa
per fare un salto indietro.

"Una vipera! - grida -
"Ma no - gli fa eco l'amico -
lo vedo, eccolo là:
un ramarro è!"
E..."Aspetta - dice -
Raccoglie un bel sasso,
con forza glielo lancia.
"E così la smetti
di spaventarci!"

Sul tronco della siepe rimane,
tra le spine lunghe e acute,
un ramarro schiacciato
che sembra una povero cristo in croce.

Racconto inviato da: Attilio Scremin