POESIE - TRENTINO ALTO ADIGE
'na sera tébia
un albero coperto di neve è la moderna grotta di Betlemme la penso in un nido abbandonato sotto un tetto di stelle
Dialetto: Trentino Alto Adige

'na sera tébia
gh’è ‘l ciel empašionà
che ‘l slagrima ghiaciöi
el fiòca, néo soléva
e för tase la sera

sui arboi come qoèrta
la cala ‘nden sušur
lašando a mi che smincio
ciarór de invèrn che ariva

enghinocià ‘n avéz
sqoergiù de bata bianca
el cucia i braci ‘n tèra
paión del bosc’ che pòlša

scondù su ‘n trà gh’è ‘n nìo
arbandonà da ‘n pèz
no ghe negùn che cìciola
lì ‘n gaida ‘l arbol strac’

pò ‘n mént subiènt palesa
Nadal che se svesina
e dent ‘ndè quela giaga
ghé pòsto ‘l bambinèl

me ‘l vedo pu al segùr
lì sota i rami al calt
me ‘l penso pu contènt
dormir ‘ntrà i oseleti

ma ‘l tase cèt da ‘n pèz
qoél cant ‘ndorà de zifoi
e mi sai che ‘n quel posto
l’amor el naše al calt

vai lì ‘na sera ciàra
vai, tèitelo par man
desmìšielo col cör
orlòi del tèmp che paša

pò scolta ‘n pocolìn
quel sfalìvàr de stéle
e ‘l boidór che as dént
sarà na cuna mòrbia



Traduzione in italiano

una tiepida sera
c'è il cielo appassionato
che lacrima gocce di ghiaccio
nevica, fiocchi leggeri
e fuori la sera tace

sugli albero come coperta
si posa in silenzio
lasciando al mio sguardo
il chiarore dell'inverno che arriva

inginocchiato, un abete
coperto di cotone bianco
piega le braccia verso il terreno
letto per il bosco che riposa

nascosto lì in mezzo un nido
abbandonato da tempo
non c'è più nessuno che cinguetta
nel grembo dell'albero stanco

poi nella mente improvvisamente mi sovviene
che si avvicina Natale
e dentro quel giaciglio
ci metto il bambinello

lo sento più al sicuro
lì sotto i rami al caldo
lo penso più contento
dormire tra gli uccellini

ma tace calmo da un bel pò
quel canto dorato dai fischi
ed io so che in quel posto
l'amore nasce al caldo

vai lì una sera al chiarore della luna
vai e tienilo per mano
risveglialo col cuore
orologio del tempo che trascorre

poi ascolta per un pochino
quel luccichio delle stelle
e il calore che senti dentro
sarà una culla morbida

Racconto inviato da: Giuliano Natali (Diaolin)