POESIE - VENETO
Te prego, Signore

Dialetto: Veneto

Te prego, Signore
Xè festa ancuò,
xè Nadàle,
festejèmo el Tó compleano, Gesù,
ma sto mondo
che Ti te ga creà
có tuto el Tó amore
nol xè quéo ca te càti ancuò.

Te ne ga parlà
nó Te ghémo scoltà
e ogni dì più busiari
semo deventà.
Te jèri el parón
te si nato te na stala
e noaltri tó servitóri
voémo èssare tuti sióri.
Te ga dito:
-Voìve bèn -
e se odièmo;
- jutève -
robèmo;
- ricordève del Signore -
biastèmemo;
- ameve, come mi vé go amà -
e Te ghèmo copà .

Gesù, zà che anquò te sì chì,
daghe a sto mondo na ocià,
passa dessòra de noàltri
la Tó man,
benedissane,
sinò mi nó so, Gesù,
dove catarèmo el coràjo on dì
de presentàrse davanti a Ti.




Traduzione in italiano

Ti prego, Signore
È festa oggi,
è Natale,
festeggiamo il Tuo compleanno, Gesù,
ma questo mondo
che Tu avevi creato
con tutto il Tuo amore
non è quello che trovi oggi.

Ci hai parlato
non ti abbiamo ascoltato
e ogni giorno più bugiardi
siamo diventati.
Tu eri il padrone
sei nato in una stalla
e noi tuoi servitori
vogliamo essere tutti ricchi.
Ci hai detto:
- voletevi bene
e ci odiamo;
- aiutatevi
rubiamo;
- ricordatevi del Signore
- bestemmiamo;
- amatevi, come io vi ho amato -
Ti abbiamo ammazzato.

Gesù, giacché oggi sei qui,
dai a questo mondo una occhiata,
passa sopra di noi
la Tua mano
benedicici,
perché io non so, Gesù,
dove troveremo il coraggio un giorno
di presentarci davanti a Te.



Racconto inviato da: Luciano Bonvento