RACCONTI - FRIULI VENEZIA GIULIA
La Parabola del fio prodigo
in dialetto istroveneto
Dialetto: Friuli Venezia Giulia

La Parabola del fio prodigo
Un omo el gaveva do fioi.
El più zovine el gà dito a el pare: "Pare, dame la banda che la me speta de tuta l'eredità".
Cusì el pare gà spartì in do la soa eredità.
Dopo un fià de zorni el fio più zovine, dopo gaver ingrumà le so robe, el xè partido per un paese sai lontan indove che el se gà magnà tuti i schei cole batone.
Co che el gà finido tuto, in quel paese no se rivava più a catar gnanca un tochetin de pan per colpa de na carestia e lu gà scominsà a acorzesene.
Aloi se gà meso a disposizion de un sior del logo e sto lo gà mandà intei campi a vardar i porci. Quel poareto qua pensava de impignirse co le robe che magnava i porci, ma no rivava a catar nisun che ghe ne dassi.
Perzò el xè rivà a pensar tra de lu: "Quanti servi a casa de mio pare i gà almen el pan per sopraviver e qua mi no tegno gnente! Andarò de lu e ghe disarò: Pare gò pecà contro el Ciel e contro de ti, no me sento più de farme ciamar tuo fio. Tratime come un tuo servo, te prego"
E cusì che el gà desiso de tornar del pare.
Co el jera ancora lontan de casa, el pare lo gà notado e, con un bel fià de comozion indoxo, ghe xe andà incontro, lo gà ciolto e basado per benin.
El fio ghe disi: "Pare gò peca contro el Ciel e contro de ti; no me poso più far ciamar tuo fio".
Ma el pare el gà ciamado i servi disendoghe: "Fasé in freta! Porté qua el vestio più bel e coverzelo, meteghe l'anel al dedo e le scarpe ai piè. Ciapè el vedelo più graxo e copadelo. Magnemo, fasemo feston perché sto mio fio el jera morto e xe tornà vivo, el jera perdudo e el xe stado catado denovo".
Cusì tuti i gà scominsà a far feston.
Ma el fio mazor el jera drìo tornar dei campi e, rente ala casa, el gà sentido el casin; cusì gà ciamà un servo de el pare domandadoghe: "Cossa xe tuta sta roba?"
E el servo ghe risposi: "Xè tornado tuo fradel e vostro pare ne gà fato copar el vedelo più graso, perché el fio xè tornado san e salvo".
A scoltar quela roba el se gà inrabiado e no el ghe ne voleva saver de entrar anca lu.
El pare aloi xè andà fora e lo gà pregado ma el fio el ghe gà dito: "Pare, mi te iuto e te servo de un bel toco, no gò mai sgarado nisun tuo ordine e no gò mai podesto ciorme un cavretin per far festa anca mi co i miei amisi. Deso sto tuo fio, dopo che se gà speso tuto co le batone, xè tornà, per lu ti gà fato copar el vedelo più graso"
Ghe risposi aloi el pare: "Fio mio, ti ti son sempre co mi e tuto quel che go xe tuo, ma dovevimo far sto feston e boresso, perché sto tuo poaro fradel el jera morto e xè tornado vivo, el jera perduto e xe stado catado denovo".


Traduzione in italiano

La Parabola del figliol prodigo
Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".

Racconto inviato da: Luigi Fattorini