POESIE - CALABRIA
Eppuru c'esti tanta genti onesta
Questo è il sonetto n. XXII appartenente alla raccolta di poesie dalettali intitolata "Tu ndavìa dittu eu...", pubblicata dal poeta cauloniese Giovanni Di Landro nel marzo 2008. Qui il poeta dice che, secondo lui, sono tante le persone oneste e capaci che saprebbero governarci, ma che in realtà queste persone non intendono candidarsi e così va sempre a finire che governano le solite persone disoneste. Ma i cittadini devono usare la testa e non si devono fare abbindolare.
Dialetto: Calabria

Eppuru c'esti tanta genti onesta
Eppuru c’esti tanta genti onesta
e chi sarrìa capaci mu cumanda,
ê potentuni mu nci faci a festa
e pemmu u vannu u zzappanu u m’i manda;

sta genti è seria ma non cangia testa
e ‘on voli u si presenta a nuda vanda,
e fattu sta ca è a genti disonesta
chi quasi sempi è chida chi cumanda.

L’unica cosa chi potìmu fari
è mu ndi comportamu rettamenti,
nommu mu ndi facìmu abbindolari

da fessi, potentuni e delinquenti;
ogni persuna si poti stimari
si insiemi è onesta e puru intelligenti.



Traduzione in italiano

Eppure c'è tanta gente onesta
Eppure c'è tanta gente onesta
che sarebbe capace di governare,
e di "fare la festa" ai soliti potenti
mandandoli a zappare;

questa gente è seria ma ha la testa dura
e non si vuole candidare da nessuna parte,
e così è la gente disonesta
che quasi sempre è quella che ci governa.

L'unica cosa che possiamo fare
è quella di comportarci rettamente,
e non farci abbindolare

da fessi, soliti potenti e delinquenti;
ogni persona si può stimare
se è sia onesta che intelligente.

Racconto inviato da: Giovanni Di Landro