POESIE - CALABRIA
Mò c'esti a Cina
Sonetto n. XX appartenente alla raccolta pubblicata nel marzo 2008 da Giovanni Di Landro intitolata: "Tu ndavìa dittu eu". Qui il poeta fa una riflessione personale su come la Cina stia entrando nel mondo dell'industria e del commercio.
Dialetto: Calabria

Mò c'esti a Cina
Mò c’esti a Cina puru chi ndi faci
mu ndi tenìmu u culu a quattru mani,
ed a quarchi industriali già nci piaci
(e principalmenti a chidi Italiani!).

E vi’ ca nu cinesi esti capaci
mu pigghja pocu ma u si ruppi i mani
pemmu u lavura sodu e pemmu u faci
cosi suverchji e, beni o mali, sani.

E poi u mercatu certu i ‘ccogghjìu boni,
ca i prezzi sunnu vasci e cunvenienti;
na magghja î marca e poi nu pantaloni

ti fannu u ti svindigni veramenti
si i ‘ccatti nta negozi grossi e boni;
però ê cinesi paghi pocu e nenti.



Traduzione in italiano

Adesso c'è la Cina
Adesso c'è pure la Cina che ci fa
tenere il sedere a quattro mani [è un'espressione dialettale che significa che ci sta rovinando],
ed a qualche industriale già piace
(e principalemte a quelli italiani!).

E vedi che un cinese è capace
di essere pagato poco ma di rompersi anche le mani
per lavorare sodo e per fare
cose buone e, bene o male, di una certa qualità.

E poi il mercato certu li ha accolti bene,
perchè i prezzi sono bassi e convenienti;
una maglia "di marca" ed anche un paio di pantaloni

se li compri in negozi importanti e rinomati
ti costano tantissimo;
però nei negozi cinesi peghi poco o niente.

Racconto inviato da: Giovanni Di Landro