POESIE - CORSICA
anima cumuna

Dialetto: Corsica

anima cumuna
« Farè di l’anima chì ùn asisti micca un omu più bonu chè idda »

René Char

Anima meia cusì vistuta
Cù manteddu d’aria marina
È baretta di focu
Tu chì ùn cunnosci nè laziu nè riposu
Cansati un’di sti ghjorna
In punta di Capu maiò
Avemu ghjiratu tantu
Cù i venta di barbaria
Chè i nosci canzoni
Vinuti da culandi
Si ni sò sdrutri una volta par sempri
In u buliaciumu di sti cunfina

Anima meìa sempri sfiurita
Di galona è di parolli santi
Tu chì ridii à bocca spalancata
Di a furtuna di l’omu senza turmentu
Fatti puri una calata
Par piacè o par duveru
Versu i veghji ughjinchi
Di i nosci sirati sculuriti
Ringraziarè à tutti
Mi scusarè d’ùn essa andatu

Anima meìa purtendu rivolta
Suredda di i schiavi chì stani par issi loca
Di tutti i braccimozzi
Di tutti i sanguineri
La me cummari cusì fidata
Chì mi lintaia indarru
Fà cusì è fà da bè
È richjara li to parolli
È rinfresca lu to focu
Veni puri una sera dopu cena
À posatini accant’à mè.

Anima meìa mal’accrianzata
Chì mi facia senta
Ciò ch’ ùn vuliu veda
Aggantendu lu me sgardu
Dirighjendu lu me spirdu
Aiò raccontami li to scherza
Ti mandaraghju li me guaia
L’acqua linda di la to parolla cantarina
À tengu in alta stima
Ancu s’è più chè mè
D’altri l’ani ludata

Anima meìa stancata
Di sti ghjorna di dolu
Quandu d’altri animi vinuti
D’issi monti
Purtaiani l’aiutu di la ghjenti di culà
È mi ni possu invena
Di l’ochja scuntenti ch’erani toì
Quand’è più d’una volta
La to mani s’hè mossa
Pugnendu di tuccà bracciu drittu o spadda manca

Anima meìa fatta di quasgi nienti
È di ventu frisculinu
Dà una richjaratta à i nosci menti sticchiti
Di tanta salamughja
I nosci canneddi rughjinosi
Poni ancu fà risposta
Lintenduti una parullaccia
Purtenduti u tistucciu
Stupenduti un ghjuramentu
Aiò anima ùn ti fà pricà

Anima meia anima toia
Anima di tutti sti cosi è di tutti sti loca
Di lu mondu chì stà
Di lu fiatu chì va
Arrimbati un pocu
À la petra carca à murzu
À la còtula bianca è liscia
Nanzi di lintà l’avvedaci chè tu sa

Avvedaci
Nemici di sempri
Quand’è u sempri s’assumidda à l’oramai
Coppiu di l’avali
È fiddolu d’andaccianu





Traduzione in italiano

anima comune
« Farai dell’anima che non esiste un uomo migliore di ella»

R. Char

Anima mia anima così vestita
Di una pelliccia di vento di mare
E di una cuffia di fuoco
Tu che non conosci ne desiderio ne riposo
Fermati un di quei giorni
Sulla punta del Gran Capo
Abbiamo così tanto errato
Con i venti della barbaria
Che i nostri canti
Venuti dal lontano
Hanno sparito per sempre
Nella melassa di queste contrade

Anima mia anima sempre spellata
Di galloni e di sante parole
Tu che ridevi a crepapelle
Della felicità dell’uomo senza tormento
Prendi il tempo di fermarti
Per piacere o per dovere
Verso le nuove veglie
Delle nostre serate diafane
Ringrazierai l’assemblea
Mi scuserai di non esserci

Anima mia anima carreggiando la rivolta
Sorella degli schiavi abitando di qua
Di tutte le braccia tagliate
E degli appestati
Mia amica così fedele
Che mi lanciava invano
Fare cosi e fare del tuo meglio
Raddolcire i tuoi argomenti
Calmare un po il tuo fuoco
Vieni allora una sera alla veglia
A sederti accanto a me

Anima mia anima cosí mal educata
Tu mi facevi sentire
Quel che non potevo vedere
Catturando il mio sguardo
Verificando il mio pensiero
Dai racconta i tuoi inganni
Ti dirò il mio dolore
L’acqua dolce del canto della tua voce
La tengo in grande stima
Anche se meglio di me
Altri hanno potuto lodarla

Anima mia anima esausta
Da quei giorni di lutto
Quando altre anime sono venute
Da quei monti
A portarci l’aiuto della gente di qua
Mi ricordo
Il tuo sguardo che rimprovera
Quando più di una volta
La tua mano si è avvicinata
Sfiorando il mio braccio destro o la mia spalla sinistra

Anima mia anima fatta da nulla
E dal venticello fresco
Vieni a risorgere i nostri pensieri fossili
Di un eccesso di salamoia
Le nostre voci piene di ruggine
Ti possono rispondere
Lanciando una parolaccia
Portando contradizione
Sputandoti una bestemmia
Dai anima non farti pregare

Anima mia che è tua
Anima di tutte queste cose e luoghi
Del mondo che è
Del soffio che va
Accoppiati
Alla pietra coperta di muschio
Al ciottolo bianco e liscio
Prima del addio che conosci cosí bene

Arrivederci
Nemici di sempre
Quando sempre assomiglia a ormai
Il doppio di ora
E figlio d’itinerante




Racconto inviato da: Nurbertu Paganelli