POESIE - LIGURIA
Giurni d’infanzia

Dialetto: Liguria

Giurni d’infanzia
çeu de luna
pe-a stradda antigha:
l’è giancuspin
fâetu a rametti
lëgi sciù a tâera.

E tostu a fissu
giurni d’infansia:
questa mâe stradda
da-e spunde verdi.

E in mezzu bâe
gianchi che i passa,
e cröve neigre,
pastûi lenti
cun di bastùi.

E tuttu sciurte
da un veggiu velu
mâe de tristessa,
che sempre a ciama.



Traduzione in italiano

Giorni di infanzia
Chiaro di luna
per la strada antica
è biancospino (=giancuspin)
fatto a rametti,
leggeri sulla terra.

E subito (=tosto) rivedo (=fisso)
i giorni d’infanzia:
questa mia strada
dalle sponde verdi.

Ed in mezzo agnelli (=bâe)
bianchi che passano,
e capre (=cröve) nere,
pastori (=pastùi) lenti
con dei bastoni.

E tutto esce (=sciurte)
da un vecchio velo
mio di tristezza
che sempre chiama (=ciama).


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua