POESIE - CALABRIA
Assurdità
Questo è il 261° sonetto appartenente al libro: "Caulonia, Castelvetere, Caulonia - Storia di Caulonia dalle sue più antiche origini fino all'anno 2003, raccontata nella sua stessa lingua (in 500 sonetti)", pubblicato nel giugno 2004 dal poeta e scrittore Orazio Raffaele Di Landro. In questo sonetto il poeta descrive alcune assurdità del mondo moderno.
Dialetto: Calabria

Assurdità
Oji vivìmu nta n'assurdità
pecchì guadagna cchjù nu deficienti
ca na persuna onesta e intelligenti;
ed è nu schifu chista società.

E 'ncatàstunu sordi in quantità
propria i genti cchjù furbi e cchjù incoscienti,
e pìgghjanu importanza cosi i nenti,
abbasta u ndannu assai pubblicità.

Menza patata, chjusa nta bustina,
tagghjata e fritta, ti veni a custari
cchjù di nu pani o di na medicina.

Vindendu coca cola guadagnari
si po', si vaji bonu, a na matina
quant'eu spendu nu misi pe campari.


Traduzione in italiano

Assurdità
Oggi viviamo nell'assurdità
perchè guadagna di più un deficiente
che una persona onesta ed intelligente;
ed è uno schifo questa società.

E accumulano soldi in quantità
proprio le persone più furbe e più incoscienti,
e diventano importanti persone da niente,
basta che abbiano molta pubblicità.

Mezza patata, chiusa in una bustina,
tagliata e fritta, ti viene a costare
più di un pane o di una medicina.

Vendendo coca cola si può guadagnare,
se va bene, in una mattina,
quanto io spendo in un mese per vivere.

Racconto inviato da: Orazio Raffaele Di Landro