POESIE - LIGURIA
Un ritorno a-o passòu

Dialetto: Liguria

Un ritorno a-o passòu
Son vosciua ritornâ una mattinn-a
a rivedde o paise dov’eo sfollâ
tempo de guæra, quand’eo figginn-a.
L’ho visto spontâ fra i boschi e alloa
o cheu de botto o m’é schittòu in ta gôa.

E case arroccæ là in çimma ao monte
pàivan teste ammuggiæ de tanta gente
che con i euggi spalancæ di barcoìn
a l’amiäva incantâ
o panoramma da verde vallâ.

O l’ea bello da lontan, paiva ch’o me riesse,
comme s’o fïse lì ch’o me aspëtesse;
ma ciù che ghe arrivavo dä vixin
e ciù o me pàiva vegnuo piccin,
coscì grosso me o ricordavo
e öa tutto piccin ghe ritrovavo.

Quelli proei grendi ch’a l’ea una föa
ean poco ciù grosci de un mandillo öa,
de quella bella fontann-a
con i saxi pe cornixe
no gh’ea ciù ninte, ma chi no me dixe
che s’a ghe fïse stæta ancon
a saieiva stæta un’ätra deluxion.

No ve diggo comme ghe son arestâ,
son montâ in sciä macchina e son scappâ.
Cao paisetto che ti m’æ visto figgieua,
doveivo ricordäte comme t’aivo in ta memöia,
l’è stæto triste veddite coscì cangiòu,
l’ea mëgio che no fïse mai tornâ
a remesciâ i ricordi do passòu!

Ma tanto che me ne andavo tutta amagonâ
a raxon a m’ha dïto questa veitæ:
“O no o l’è lë, ma t’ë tì che t’ë cangiä,
i recordi de quella bella zoventù
-che semmo appressäla solo
quando no ghe l’emmo ciù-
quando ti i veu ritrovâ
solo drento a o teu cheu ti i devi çercâ.

Dialetto Genovese











Traduzione in italiano

Un ritorno al passato
Sono voluta tornare una mattina
a rivedere il paese dov’ero sfollata
tempo di guerra, quand’ero bambina.
L’ho visto spuntare fra i boschi e allora
il cuore di colpo mi è saltato in gola.

Le case arroccate là in cima al monte
sembravano teste ammucchiate di tanta gente
che con gli occhi spalancati delle finestre
guardava incantata
il panorama della verde vallata.

Era bello da lontano, sembrava mi sorridesse
come se fosse lì che mi aspettasse;
ma più gli arrivavo vicino
e più mi sembrava piccolino,
così grande me lo ricordavo
ed ora tutto piccolo ritrovavo.

Quei prati grandi che era una fola
erano poco più grandi di un fazzoletto ora,
di quella bella fontana
con i salici per cornice
non c’era più niente, ma chi non mi dice
che se ci fosse stata ancora
sarebbe stata un’altra delusione.

Non vi dico come ci sono rimasta,
sono salita in macchina e sono scappata.
Caro paesetto che mi hai visto bambina
dovevo ricordarti come ti avevo nella memoria
è stato triste vederti così cambiato,
sarebbe stato meglio se non fossi mai tornata
a rimestare i ricordi del passato!

Ma mentre me ne andavo tutta imbronciata
la ragione mi ha detto questa verità:
“Non è lui, ma sei tu che sei cambiata,
i ricordi di quella bella gioventù
-che sappiamo apprezzarla solo
quando non l’abbiamo più-
quando li vuoi ritrovare
solo dentro il tuo cuore li devi cercare.”


Racconto inviato da: Alba Toscanini