POESIE - CAMPANIA
E già… è Natale
E' ancora Natale quando gravi tormenti lacerano il nostro corpo e la nostra anima e ci fanno sprofondare nell'abisso della disperazione? Eppure...
Dialetto: Campania

E già… è Natale
Che bello stu cielo stanotte!
Miezo a nu manto ê stelle lucente
‘n’angiulicchio, biato, s’abbrazza â luna
r’argiento mente attuorno ‘na morra
‘e strumiente sona cuntenta
p’’o Bambeniello. E già… è Natale.
‘O viento carreja sti nnote
e pe ‘nu mumento surtanto i core
se scordeno ‘e ppene p’’a ggioia
‘e stu fatto reale.

“Però, Marì, tu ‘o ssaje ca n’abbasta
‘na museca angelica, ‘na capanna,
‘nu munnu ê pacchette all’abbete,
luce e lucette sbrennente
pe fa veramente Natale!
E quanno mille penziere e mille
cchiuove spuntute t’arravoglieno ’a capa
comm’a curona ê cristencroce
quanno ‘a vita, scura, te fa sputà lacreme
amare - dimme tu - è ancora Natale?”.

“Eh, core mio, tu hai raggione,
ma si tutte ‘nzieme ‘a porta do’ core
e da’ speranza tenimmo spalancata,
si nce facimmo purtà
-comme i pasture cu ’a cumeta-
fino ô Bambino, forse sulo tanno
nce scetammo d’ô sprufunno cchiù funno
e capimmo ‘a meraviglia vera do’ Natale”.

‘Na morra ‘e strumiente sona luntano
‘o viento int‘’o core carreja sti nnote …
È Natale ancora.

Natale 2008 Rosalia D’Ambrosio



Traduzione in italiano

E già... è Natale
Quanto è bello il cielo stanotte!
Fra un manto di stelle lucenti
un angioletto, beato, abbraccia la luna
d’argento mentre intorno uno stuolo
di strumenti suona gioioso
per il Bambinello. E già… è Natale.
Il vento diffonde le note
e per un momento soltanto i cuori
accantonano crucci e tormenti
per la gioia di questo evento reale.

“Però, Maria, tu sai bene che non basta
una musica celestiale, una capanna,
una miriade di doni appesi all’abete,
luci e lucine splendenti
per fare un vero Natale .
E quando mille pensieri e mille
chiodi appuntiti ti cingon la testa
come la corona di Cristo in croce
quando la vita, triste, ti fa versare lacrime
amare - dimmi tu- è ancora Natale?”

“Cuore mio, tu hai ragione,
ma se tutti insieme spalanchiamo
la porta del cuore e della speranza
se ci lasciamo guidare
- come i pastori con la cometa -
fino al Bambino, forse solo allora ci sveglieremo
dal buio profondo e comprenderemo
la meraviglia vera del Natale”.

Un concerto di musica vien da lontano
il vento accoglie le note e al cuore le affida …
È Natale ancora.



Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio