POESIE - BASILICATA
Lo presebbio
Il Natale è appena passato. Il freddo pungente, la neve, la nebbia lo fanno sentire ancora vivo. Il Presepe è la autentica celebrazione del Natale.
Dialetto: Basilicata

Lo presebbio
Quann'era criatùro
ra li primi re ddicembre
ìa a spià le ciòppare
ca pàtrimo scarrecava ra lo ciuccio.
Prima o poi assìa chedda ca
putìa èsse 'nna capanna naturale.

Roie scatole re cartone scasciate
e appontate cco le simìcce
addeventavano montagne.
Lo lippo re macchia re frascèdda
cco ddi virdi re seta addeventavano
prata addove pascìano le pecoredde
e, 'ncantesemati, se mittìano li mocci.

L'albiri le facìa
cco sproccola re frascedda,
vranca re vriccio
addeventavano viaredda.
Le casi, simplici e antiche, come
ra sempe erano le casì cilentane,
le facìa cco scatulieddi re mmericine
smertecati e pittate cco li gessetti.
Tutto, chiano chiano, pigliava forma,
addeventava paese,
la vammaci e la farina era la neve.

Inta ddo friddo
re ddo viento re tramontana,
quanno le stelle so' cchiù lucienti
e pareno spine chiatràte,
dda notte fatata, po',
s0anghìa re luci, ca partìa
ra dda ciòppara capanna
e se spannìa ppe lo munno.

dDa luci, ra tanno, ancora face luci.


Traduzione in italiano

Il presepe
Quando ero bambino
dai primi di dicembre
andavo a spiare le radici
ch mio padre scaricava dall'asino.
Prima o poi sortiva quella che
poteva sembrare una capanna naturale.

Due scatole di cartone scassate
e fissate con delle puntine
diventavano delle montagne.
Il muschio di macchia di erica
con quei verdi di seta diventavano
prati dove pascolavano le pecorelle
e, fissi, si disponevano i pastori.

Gli alberi li confezionavo
con rametti d'erica secca,
manciate di ghiaia
diventavano viottoli.
Le case semplici e antiche, come
da sempre erano le case cilentane,
le facevo con scatolini di medicine
rivoltate e colorate con i pastelli.
Tutto, lentamente, pigliava forma,
diventava paese,fiocchi
di bambagia e farina era le neve.

In quel freddo
di quel vento di tramontana,
quando le stelle luccicano di più
e sembrano spine ghiacciate,
quella notte fata, poi,
si riempiva di luce, che si spandeva
da quella radica capanna
per il mondo intero.

Quella luce , da allore, ancora fa luce.








Racconto inviato da: Giuseppe De Vita