POESIE - LIGURIA
I regalli dell’invernu

Dialetto: Liguria

I regalli dell’invernu
Nu sgöa runduina
e-u çê l’è grixiu
e l’erbu spêuggiu.

Ciêuve da-e vigne
l’urtima vitta
che russa sbatteva
a-i scciaffi du ventu
de l’aspru mattin.

Da-i veddri l’êuggiu
va lungu e campagne
che a pòxe gianca
i spâeta da neve.

In chêu rispunta
fï de cuntentu:
prepöra l’invernu
regalli pe mì,
de brine e silensi!



Traduzione in italiano

I regali dell'ino
Non vola (=sgöa) rondine (=runduina)
ed il cielo è grigio
e l’albero spoglio (=spêuggiu).

Piove dalla vigna
l’ultima vita
che rossa sbatteva
agli schiaffi (=scciaffi) del vento
dell’aspro mattino.

Attraverso i vetri l’occhio (=êuggiu)
percorre le campagne
che attendono la pace (=pòxe) bianca
della neve.

Nel mio cuore ritorna (=rispunta)
un filo di felicità (=cuntentu):
l’inverno prepara
regali per me,
brine e silenzi!


Racconto inviato da: Luigi Panero di Leua