POESIE - LIGURIA
In nïo d’inverno
Dedicata al poeta dialettale Alvaro Casartelli. Stampata da IJ BRANDE’ il 15 gennaio 1950.
Dialetto: Liguria

In nïo d’inverno
De vitta l’è privo
in nïo lasciù
tra-i rami de l’erboi
che fêuggia n’àn ciù.

In nïo che persa
l’à festa de becchi
d’êuggetti e ciumin:
fï d’erbe con stecchi!

L’è forse de ciante,
-che ciù batte o pêu-
cosccì solo e triste,
piccin freïdo chêu?

Da i rami, de inverno,
perché, grande Dio,
perché no ti strappi
d’oxelli ogni nïo!




Traduzione in italiano

Un nido d'inverno
Di vita è privo
un nido lassù
tra i rami degli alberi (=arboi)
che foglie non hanno più.

Un nido che persa
ha la festa dei becchi
degli occh e delle piumine:
fili di erbi con stecchi.

E’ forse delle piante,
un piccolo freddo cuore
così solo e triste
che più non può battere?

Dai rami, d’inverno,
perché Dio Onnipossente
perché non strappi
ogni nido d’uccelli!


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua