POESIE - VENETO
L'E'PO-LENTA

Dialetto: Veneto

L'E'PO-LENTA
A dir al ver, l’è, un po-lenta!
Parché, un cuartodora parché l’acua la boje
E cuarantathincueminuti de menar,
par un disnar, l’e un bel dafar.
Poc prima che i omi vegnese casa dai camp,
me nona la’ndea inte là lisivera
‘nde al larin l’era sempro inpithà,
e co le man sburatadhe inte la thendre,
la cioléa su do bronthe
e, co disinvoltura,ma co na therta pressa,
tra i”COME FARALA…”de ‘naltri tosatei
la le portea inte la “cusinaeconomica”
e la inpithea al fogo
co do tre stechet e un poche de muthole
par darghe animo,.Na sufiadhina e via.
La tirea su i thercui dela piastra,
la inpinìa la caliera de acua
la la sentea come inte na comoda,
co’ un cuercio podhà par sora
e su fogo! legne pi grose e stèle de casia.
Finché l’acua no la boje.
Na branca de sal, na remenadha,
na sesoladha de farina
e l’e tut pronto par des-cior la polenta
na man drio che altra de “Perla”
bianca come la nef,
sguataradha de corsa co la s-curia,
“CHE NO LA FAE GRUN!”,
fin che acua e farina no deventa na crema;
ne masa tendra ne masa dura,
parché la rive,justa da star sul fondal
come na parona.
E, pena che la ciapa un fià de corpo,
via la scuria e sot co la mescola.
Bela lisa.a fortha de menar,
l’e lustra che la par vernisadha
eee… avanti! Par trecuartidora
mena e remena
co sest conoscesti da senpro
La boje,la sufia,la sbrufa,
finché a fortha de menar,
co te la cava,
la mescola, te la vedhe suta, neta,
te la mete in pié,
in medho ala caliera e la stà su ela sola:
“PIANTADHA COME AL VESSIL DE S.MARCO!
e’lora su muthole,che al fogo se sfoghe
e che se fae la crosta,stulidha dal ran.
L’E PRONTA!
E pronti al fondal,pronti i ciapin,pin pun paf:
ecola là tra neole de svapor;
SARTADHA!!
La fuma la sbarbotea,i vieri se inpana,
e l’udor inpinis tuta la cusina.
Cualchedhun dis che la par na luna piena
despersa tra le neole,
na sposa piena,col velo dee nothe’
e ..la pol anca someiarghe po
ma no l’e né na sposa né na luna“sacramenta!”
l’e n’altra fathenda”:
L’E’ POLENTA!!!
E, tuti, se contenta.
Tajadha col fil,
tuti la so feta destiradha su la tovaja,
e dho come pa ‘n tubo!
Bona co tut!
Intant, a la caliera,podhadha su’n trapié,
i ghe dhonta lat del dì prima e’na slota de polenta
“sentha piat,polenta e lat e croste”
e tuti i bociete,col sculier in man,
i se buta,cofà porthelet,
inte sto ben de dio
e, a rivederse al dì drio.
Parché, se ghen resta,
l’e de novo festa .
la matina, a merenda,
brustolen la polenta.
(motivetto)
“la polentina quando è cotta,
ben menata,
rallegra il cuort”(tre volte)


Traduzione in italiano

LEI E' PO-LENTA
A dire la verità è un po’-lenta!
Perché,un quarto d’ora affinché l’acqua bolla
E quarantacinque minuti di mescolare
Per un piatto,sono un bel daffare
Poco prima che gli uomini ritornassero a casa dai campi
Mia nonna andava nella lavanderia,
dove il caminetto era sempre acceso
e con le mani inpolverate di cenere
raccoglieva due braci
e con disinvoltura ,ma con una certa fretta,
tra i”COME FARA’ ” di noi bambini,
le portava nella stufa della cucina
e accendeva il fuoco,con alcuni stecchetti
e qualche tutolo,per ravvivarlo
una soffiatina e via.
Toglieva i cerchi della piastra,
riempiva il paiolo d’acqua
e la sedeva come in poltrona
con un coperchio appoggiato sopra
e avanti col fuoco!Legna più grossa e spaccate di acacia,finché l’acqua non bollirà.
Una presa di sale,una rimescolatina
Un mestolo di farina
E tutto è pronto per “des_cior”la polenta
Una manciata dopo l’altra di”PERLA”
Bianca come la neve
Un rimestamento veloce con la frusta
“CHE NON SI FORMINO DEI GRUMI!”
finché acqua e farina diventino una crema
né troppo tenera né troppo dura,
affinché arrivi giusta,per poter stare sul tagliere
come una padrona:
appena prendeva un po’ di corpo
via la frusta e avanti con la “mescola”
bella liscia,a forza di essere usata
è lucida da sembrare verniciata.
Eeee…avanti! Per tre quarti d’ora
Mescola che ti rimescolo
Con movimenti conosciuti da sempre
Lei bolle soffia sbruffa,
finché a forza di mescolare,
quando togli,”la mescola“
la vedi asciutta,pulita.;
la metti in piedi nel mezzo del paiuolo
e la stà ritta da sola
“PIANTATA COME IL VESSILLO DI S.MARCO”
E.. allora su tutoli, che il fuoco divampi
E si possa formare la crosticina
Abbrustolita dal rame.
E’PRONTA!
E pronto il tagliere, pronte le presine pin pun paf
Eccola là:” VERSATA”
Tra nuvole di vapore
Lei fuma, borbotta,i vetri si appannano
E l’odore riempie tutta la cucina
Qualcuno dice che sembra una luna piena
Persa tra le nuvole,
altri una sposa incinta con il velo nuziale
e può anche assomigliar loro,
ma non è né una sposa né una luna “Sacramenta!”
lei è un’altra faccenda
È POLENTA!!!
E tutti sono contenti
Tagliata con il filo
Ad ognuno la sua fetta stesa sulla tovaglia
E… giù come per un tubo.
Buona con tutto
Intanto nel paiuolo appoggiato su un treppiedi,
viene aggiunto del latte del giorno prima
e un grosso mestolo di polenta.
“SENZA PIATTO POLENTA LATTE E CROSTE”
e tutti i bambini,col cucchiaio in mano
si tuffano come maialini
in questo ben di Dio;
e arriverci al giorno successivo
Perché se ne rimarrà Sarà nuovamente festa
La mattina a merenda Abbrustoleremo la polenta.
(motivetto)
“la polentina quando è cotta ben menata
rallegra il cuor”(tre volte)

Racconto inviato da: gigi miracol