POESIE - LAZIO
La reliquia..

Dialetto: Lazio

La reliquia..
LA RELIQUIA..

-Nun sai che m’ è successo l’ antra sera!-
..Stavo a ciattà co’ Ernesto, er parucchiere..
quanno s’ accènne ‘n linke der piacere..
-E ci’ài clikkato?-..-Mica ci’ ò la sfera!..-

..Pe’ nun magnà la solita minestra..
me so’ affacciata.. –Hai da vede’ che sito!..
Stavo a bollì e compare mi’ marito:
-Ma allora è ‘n vizzio! E chiudi ‘sta finestra!..-

Ar che je fo’: -Perché, ci’ài quarc’’idea?-
-Po’ èsse. Smorza tutto e annamo a letto!..
..te l’aricordi a agosto..in appenea..

..tutti a schiattà sur molo da’ l’invidia..
-E’ vero, ma è passato quarc’annetto..
Dormi, Peppì..Riponi ‘sta reliquia!..-




Traduzione in italiano

La reliquia
LA RELIQUIA..

Non sai cosa mi è accaduto l’altra sera!
..Stavo chattando con Ernesto,il parrucchiere,
quando si accende un “link” del piacere..
-E tu vi hai clikkato sopra?..-Certo.Non possiedo la sfera!-
Per non mangiare la solita minestra..
mi ci sono affacciata..Dovresti vedere che sito!
Stavo bollendo e compare mio marito:
-Ma allora è un vizio,fa. E chiudi quella “finestra”!..
Al che io gli rispondo: -Perché..Hai qualche altra idea?..-
-Può darsi, replica lui. Spengi tutto..e andiamo a letto..
Ti ricordi..ad agosto..in apnea…
..mentre tutti si rodevano sul molo dall’invidia..
-E’ vero. Ma è trascorso già qualche anno..
-Dormi, Peppino..Rimetti a posto quella reliquia…!-



Racconto inviato da: Ivano Giordani-Roma