POESIE - SARDEGNA
A Notti Funda
Poesia in lingua gallurese, Tempio Pausania, prov, di Sassari, Sardegna.
Dialetto: Sardegna

A Notti Funda
Aggju ‘istu paltendi
middi marinai
da chistu poltu
in cilca di fultuna
a notti funda,
incelta l’unda
e ventu di maistrali,
burrasca allonga
e bianchi occhj marini.
E ci so cabbulati in mezu mari
immez’a la fumaccia di friaggju,
chi lu distinu ‘ngrattu
pa’ trista solti
a iddi ha risalvatu,
omini folti,
a bon lignu taddati…,
…ma poi no so turrati……e eu,
aggj’ambaratu la luci,
la luci di lu dì
pal videlli turrà a fac’a manu
dapoi di la timpesta,
ma l’undi di lu mari,
a mala ‘ia, turrat’ ani
fantasimi di balchi
in una scia di sciuma
ch’ha fattu lu so tempu
e illu me poltu è torra dì…
…lu dì ch’illumina l’ammenti…
…l’ammenti
di middi marinai
ch’ambarani dicciosi
ill’alta sponda…
… e intantu la me’ balca
in groppu a l’unda
pronta è a salpà
cun ventu di maistrali
in cilca di fultuna
a notti funda.


Traduzione in italiano

A Notte Fonda
Ho visto partendo
mille marinai
da questo porto
in cerca di fortuna
a notte fonda,
incerta l’onda
e vento di maestrale,
burrasca lontano
e bianchi lampi marini.
E sono scomparsi in mezzo al mare
nella nebbia di febbraio,
che il destino ingrato
a loro ha riservato,
uomini forti
resistenti…
…ma poi non sono tornati…e io,
ho aspettato la luce,
la luce del giorno
per vederli tornare al mattino presto
dopo la tempesta,
ma le onde del mare,
purtroppo hanno restituito
fantasmi di barche
in una scia di schiuma
ormai superata
e nel mio porto è di nuovo giorno…
…il giorno che illumina i ricordi…
…i ricordi
di mille marinai
che aspettano fiduciosi
sull’altra sponda…
…e intanto la mia barca
a cavallo sull’onda
è pronta a salpare
con vento di maestrale
in cerca di fortuna
a notte fonda.

Racconto inviato da: gianfranco garrucciu