POESIE - SARDEGNA
La nai di l'asettu
Poesia in lingua gallurese, Tempio Pausania, prov, di Sassari, Sardegna.
Dialetto: Sardegna

La nai di l'asettu
Curri la nai
garriga di sonnìi
e di disici
in una scia di soni
e di profumu asciuttu
di cansci di biddutu
e di lustrinu.
Scuntiviciati currini
contr’a la disfultuna
illusioni e inganni
di gjugna rangu,
bè assintati l’uni
ammuntunati l’alti.
Bianchi riflessi immaz’a l’undi
chi ingrispati di currintini
di pratta, s’apprestani
in chissu mottu chiettu
chena assentu,
la battini custanti
indibbilendi insembi a idda
colpu a colpu
la barra di l’omu
appruata.
Dulci un ventu
carigna middi cari
in chissu mari
chi ‘nnimmicu brama
immancabbili rillitti
ill’ultimu scasciu
d’una notti di festa
e d’alligria.
E a fac’a manu
lu tempu no laca
che agnati prufundi
calpiti illa mimoria
undi so’ molti
li spiranzi tantu attesi
e li suspiri di l’anneu
ch’accumpagna l’ori cunsumiti
ill’asettu di dumani.


Traduzione in italiano

La nave delle spettative
Corre la nave
carica di sogni
e di desideri
in una scia di suoni
e di profumo asciutto
di gilè di velluto
e di stivali di pelle lucida.
Spensierati corrono
contro la sfortuna
illusioni e inganni
di ogni rango,
ben sistemati gli uni
ammassati gli altri.
Bianchi riflessi sulle onde
che increspate da piccole correnti
d’argento, si apprestano
in quel moto quieto
che non conosce riposo,
la battono instancabilmente
indebolendo insieme a lei
colpo a colpo
l’arroganza dell’uomo
sulla prua carica.
Dolce un vento
accarezza mille facce
in quel mare
che nemico brama
immancabili relitti
ultima pazzia
di una notte di festa
e di allegria.
E al mattino presto
il tempo non lascia
che angoli profondi
scalfiti nella memoria
dovo sono morte
le speranze tanto attese
e i sospiri della noia
che accompagna le ore consumate
nelle aspettative del domani.

Racconto inviato da: gianfranco garrucciu